giovedì 16 aprile 2015

L'alfabeto della mia scrittura

Preso dal blog di Chiara Solerio http://appuntiamargine.blogspot.it/ ho letto sul blog di Ivano Landi un post veramente simpatico e curioso.
Un meme sulla propria scrittura abbinata alla lettere dell'alfabeto italiano.
In pratica per ogni lettera del nostro alfabeto bisogna trovare la parola corrispondente al nostro modo di scrivere. Senza pensarci troppo, però. Anzi... se è istintiva è ancora meglio.

Secondo voi potevo non farlo? Figuriamoci un po'!!!!
Comunque, fanciulli belli, siete tutti invitati a partecipare eh..


A more; per i libri, la letteratura in genere, la scrittura. Diciamo amore per le parole e facciamo prima. Quelle scritte possibilmente perchè restano per sempre. Le altre,  può capitare di dimenticarle.
Per questo cerco di scrivere dimostrando loro che le amo. Perchè continuino ad essermi amiche.

Bugie; perchè nella mia scrittura si alternano fatti reali narrati così come sono successi ad altri modificati o inventati. Non sono bugie vere e proprie. Preferirei definirle fantasie.

Carta; è lo strumento insieme alla biro che più amo. Ne ho dovunque. Perchè? Perchè mi ispira. Perchè quando mi dico cosa scrivo, se prendo carta e penna, la mano va da sola.

Difetti; e quanti! Ad esempio quello di rileggere in fretta il mio scritto e lasciarmi sfuggire errori di battitura.  Ma dell'istinto parlerò dopo :))
 
Eventi; perchè prendo spunto da eventi reali letti o ascoltati casualmente e poi li elaboro. Li modifico.

 
Fantasia: non mi manca. Non credo! Ho sempre cercato di sfruttarla a mio vantaggio anche a scuola nei temi in classe. Quando non avevo fatti reali da raccontare, mi veniva in aiuto lei. 

Poi, senza fantasia la vita sarebbe grigia! E non esisterebbero i libri!
 
Godimento; perchè è quello che provo a scrivere e mi piacerebbe che i miei lettori provassero altrettanto nel leggere. Che le mie storie dessero  loro la soddisfazione che io provo nel metterle su carta.


H
imalaya; perchè a volte vorrei essere lì per scrivere. La maestosità del panorama, la solitudine completa, il silenzio irreale... sono convinta che darebbero voce e vita a personaggi favolosi.

A volte cerco di trovarlo in casa ma è molto difficile.


I
stinto; d'istinto scrivo. Quello che mi passa per la testa finisce su carta e poi su pc. Senza rileggere per apportare modifiche. Amore a prima vista. Difficilmente ritocco.

 
Letture; perchè sono convinta che aiutino moltissimo. Non per copiare lo stile o modificare racconti già scritti. Per scoprire parole nuove, nuovi mondi e farli propri senza snaturare se stessi. Adattandoli alle proprie esigenze e alla propria indole.

 
Misura; è quella che non posseggo. Quando prendo carta e penna vado avanti e al momento di rileggere trovo pagine e pagine. Non riesco a dire le cose in poche parole. Nelle parole mi ci perdo.


N
eruda; il grande poeta che io adoro. Ne amo la poesia e ne amo la prosa ma soprattutto amo il suo grande amore per la sua terra. Amore che anch'io provo bei confronti della mia anche se a volte....  mi piacerebbe riuscire a rendere questo amore così come ci è riuscito lui.

 
Oblio; scrivo subito perchè altrimenti dimentico. Scrivo per non dimenticare che ho vissuto.

 
Parole; saperle scegliere, dosare, centillinare perchè non sono solo parole ma sono lo spirito e l'anima di uno scritto.  A volte ne uso troppe, lo so! Devo ancora imparare a sceglierle, centillinarle, dosarle....


Quaderni; ne ho dovunque perchè la carta mi ispira. Mi pare più viva di un personal. Mi dà un senso di calore che il pc mi nega. Poi, indubbiamente il pc è molto più comodo....


R
icordi; tante volte mi vengono in mente ricordi dei tempi andati. Li studio e diventano racconti, pensieri vari.


S
epulveda; disse su un suo libro che quando metteva la parola fine ad un romanzo questo era di 600 pagine. Dopo averlo lasciato riposare per alcuni mesi, riprendendolo in mano, riusciva a ridurlo a 200. 

Vorrei esser capace anch'io! Ma alle mie parole scritte mi ci affeziono troppo!

T
entativi; non ne faccio. Buona la prima. Scrivo di getto, non correggo, non ritocco.


Umiltà; perchè sono convinta che serva in  grande quantità. Non si può essere subito grandi scrittori. Si va per tentativi, sbagliando e sbagliando ancora. Prima o poi, ci sarà il risultato. Con umiltà ed esperienza.

V
oglia; non mi manca la voglia di scrivere. Possono eserci momenti di stanca ma la scrittura per me è un aiuto. E' un viaggio dentro di me oltre che nel mondo esterno. C'è molto di mio nei miei scritti, anche se soltanto nel momento stesso in cui scrivo me ne acccorgo.


Z
affiro; vorrei che la mia scrittura diventasse brillante e trasparente come uno zaffiro. Chiedo troppo?


Myrtilla

20 commenti:

  1. Eheh, molto bello questo post, che ho letto oggi pomeriggio ma riesco a commentare solo ora.
    Tentativi... la vediamo allo stesso modo, sai?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piace? E alora cosa aspetti? Anche tu scrivi e noi siamo curiosi!!!!!!!
      Tentativi... forse ci vorrebbe meno impazienza ma io sono così istintiva!!!!!!!
      Ciaooooo

      Elimina
  2. Lo leggo con calma domani. Adesso ho poco tempo e non voglio leggerlo di fretta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, si fa sempre come si può!
      Aspetto un parere eh....
      Ciao!

      Elimina
  3. Che bella idea! Ti ritrovo in ciò che hai scritto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fortunata.
      Sono così trasparente?????? :)))))

      Elimina
  4. Sono davvero molto belle e profonde le cose che ci hai rivelato attraverso il meme: alcune le avevo intuite, lette tra le righe dei tuoi post, perché, alla fine, ci si conosce abbastanza anche se virtualmente!
    Concordo in particolare con le lettere L e U: allenamento nel leggere quanto più possibile (per genere, autori, stili, ecc.) e umiltà, grandi doti per chi vuole scrivere!
    Ciao Patricia, buonanotte! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò,
      parto col principio che nessuno nasce maestro.
      C'è sempre strada davanti a noi: per fare cose nuove e imparare e scoprire errori nel vecchio percorso trovando il modo di correggerli o almeno non ripeterli.

      E' vero! Anche se virtualmente è possibile conoscerci almeno un po'. Intuire stati d'animo, capire cosa è fantasia e cosa realtà.

      Buona giornata carissima!

      Elimina
  5. Carino questo blog, non ci ero mai capitata e lo seguirò volentieri.
    Belle anche le parole che hai scelto, ma a dire la verità il meme è partito da me, ed è stato poi citato da Ivano. :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, prima di tutto benvenuta e grazie per l'apprezzamento.
      Come vedi ho corretto il post. Era stata una svista dettata appunto dall'impulsività che mi contraddistingue. Fermarsi e ragionare per me è... diff... compl.. insomma! Sono una gemelli in tutto e per tutto! :)))
      Ciao!

      Elimina
    2. Gemelli? Io sono una bilancina e con i gemelli mi trovo benissimo (mia sorella, i miei tre più cari amici, il blogger Salvatore Anfuso) anche se è il segno più odiato dello zodiaco!!! :-D

      P.S. Con chrome la pagina non si blocca più

      Elimina
    3. Ciao Chiara.. nooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!
      Sono circondata dalle bilance!!!!!! C'era mio padre, ci sono mia madre e mio marito... in più in casa ho una capricornam di 25 anni...
      Povera me!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ahahahahahahaahahhaahhahaaahaha
      Lo so che siamo odiati. Siamo un segno doppio e non tutti si fidano di noi. Però abbiamo fantasia, creatività, voglia di fare... alternata a periodi di pigrizia assoluta sia mentale che fisica.
      Siam fatti così.. prendere o lasciare! :)))

      Sono contenta che vada meglio conChrome.
      Buon weekend

      Elimina
  6. Sprizzi tanto entusiasmo e passione, che bello :)
    Per certi versi siamo agli antipodi, per esempio io non riuscirei mai a dirmi "buona la prima", forse perché sono insicura e iper pignola. Ma abbiamo anche qualche punto in comune, come i quaderni, la fantasia e attingere ai ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella.
      Io sono troppo impulsiva! Forse per combattere l'insicurezza.
      Poi, appena inizio un lavoro ne voglio vedere la fine.
      Sì.. Patricia è impulsiva e impaziente!
      In comune abbiamo anche l'entusiasmo. Se mancasse quello nella vita staremmo seduti a guardare un muro.
      Ciao!

      Elimina
  7. Eccomi finalmente come promesso, anche se con la lingua di fuori :P
    Mi sembra che tu abbia fatto un ottimo lavoro. Condivido molte delle cose che hai scritto. Anch'io mi riempio di quaderni, con i quali intrattengo una relazione di amore-odio. Ci trascrivo le parti che mi colpiscono dei libri e tutta le documentazione necessaria per la scrittura, del blog e del romanzo e fin qui tutto bene. Poi però devo anche riportare tutto in bella copia sul computer e ho sempre una montagna di arretrati da trascrivere :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arretrati? Fosse solo quello... è che a volte non capisco i miei stessi geroglifici e vado per tentativi. Al limite lascio loo spazio bianco in attesa che poi mi venga in mente quella particolare parola.
      Ecco.. vedi? La mia impulvità! Con la M avrei dovuto scrivere/potuto scrivere Magia perchè le parole sono magiche. A seconda di come le pronunci, a seconda di quale aggettivo ci metti vicino possono prendere sfumature diverse.
      Se non è magia questa!
      Buon weekend

      Elimina
  8. Anche la tua zeta non è male! mi sono fissata con quella, forse perché la lettera non è proprio facilissima!
    mi sono cimentata anch'io in questo esercizio, ma in modo...un tantino diverso!

    RispondiElimina
  9. Bello,ma posso farlo anch'io nel mio blog?Attendo tue nuove...Olga

    RispondiElimina