venerdì 20 maggio 2016

INSIEME RACCONTIAMO 9


              INSIEME RACCONTIAMO 9




#insiemeraccontiamo #racconti #fareblogging


Ciao a tutti!
Eccoci di nuovo qui, al venti del mese di maggio, per una nuova puntata di questo giochetto mensile che sta riscuotendo un gran successo.
Grande partecipazione da parte dei “vecchi” lettori con ingressi di notevole importanza e capacità ogni mese.
Se vi dico che ne sono felice, soddisfatta, entusiasta, mi credete???? :))

No no! Non temete! Il tremolio che sentite sotto la seggiola non è il terremoto. Sonno io che salto!!!!! ahahhahahahahah

Per tutti ricordo il piccolo regolamento.

A partire dal mio incipit potete scrivere un vostro finale che sia di 200/300 battute oppure di 200/300 parole.

Il tempo per pubblicare il vostro scritto va da oggi, 20 maggio, al 30 maggio 2016.

Potete scrivere il vostro finale qui nei commenti o direttamente sul vostro blog. In un caso e nell'altro ricordatevi di mettere sempre il vostro link in modo che chiunque possa venire a trovarvi per leggere e curiosare e che io possa poi indicarlo nel riepilogo del mese che sarà pubblicato in un unico post il 1° giugno.

Potete unire file musicali, video, fotografie.

Ma adesso finiamola conn le chiacchiere e diamo il via ad una nuova puntata.


Il mio incipit

Altissimo, di una magrezza spaventosa, vestito di nero pareva una stecca di liquirizia andata a male.
Al suo passaggio, tutti provavano una strana sensazione. Un misto di paura e angoscia e insieme gelo.

Ed ora a voi la parola!
Spremetevi le meningi e dita sulla tastiera!!!!!!
Bacio Myrtilla

104 commenti:

  1. Liquorice man con una punta di Vigorsol! Ci proverò anche stavolta ma non subitissimo. Ho troppe cose a metà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaahaha Liquorice man...
      Fai con comodo Ivano tanto lo sai che scade il 30 maggio!

      Elimina
  2. Che spunto originale.
    Sei forte Myrtilla!
    Bacio, Cristiana

    RispondiElimina
  3. Ciao Patrizia.
    Questo è un incipit perfetto per il mondo di "Spiriti della Natura". Già l'ho visto, ben messo a fuoco nelle prime due righe, è venuto a bussarmi alla mente dicendo "ehy, sta parlando di me, te ne sei accorta?". Mi metto subito a lavoro e vediamo se riesco a presentarvelo :)
    A più tardi, baci

    RispondiElimina
  4. ... Ma non per lei.
    Lo aveva incrociato sì e no un paio di volte, quell'uomo la incuriosiva, doveva conoscerlo, a ogni costo, quel giorno si fece coraggio. Mentre lui percorreva la via, venendo proprio verso di lei, lei lo urtò, di proposito: «Mi scusi», gli disse. Lui si chinò per raccogliere quei libri caduti a terra, glieli porse con un sorriso che le punzecchiò il cuore e si presentò allungando la mano.
    Non sembra vero ma da quel giorno sono passati esattamente trentasette anni. Trentasette anni di amore e gioia.

    sinforosa castoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che è Sinforosa :D
      Sei sempre brava a trovare il lieto fine :)

      Elimina
    2. Bellissimo davvero! E molto romantico.
      Pare un ricordo piacevolissimo!
      Grazie Sinforosa!

      Elimina
    3. Brava Sinforosa! Proprio un bel finale. Mi piace il tuo modo alternativo di vedere le cose ;)
      Ciao Marina Z.

      Elimina
    4. Bellissimo! Sinforosa sei splendida! Sai trasformare ciò che è nerissimo e pauroso, in una cosa bella. Ma quello che mi stupisce di più tutte le volte è la tua velocità.
      Un abbraccio.

      Elimina
    5. Marina, Anna Maria... si sente che è molto sentito questo finale da parte di Sinforosa!
      Comunque, è davvero velocissia e brava!

      Elimina
  5. Ed eccoci qui :) il finale è servito sul mio blog https://naturachecicirconda.blogspot.it/2016/05/insieme-patricia-raccontiamo-9-condor.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche tu,... che velocità signore!!!!! Siete bravissime!
      Vengo subito a leggere
      Bacio!

      Elimina
    2. Mamma mia! Ma è perfetto per la tua blog novel!
      Ohimemè! Mi accuseranno mica di favoritismi? ahahhahahaha
      Bravissima Poiana!

      Elimina
    3. Grazie Patricia :D
      E su, un mese per uno non fa male a nessuno. Vuoi che gli altri incipit non abbiano "aiutato" qualche altro blogger? Ahahahahah

      Elimina
    4. ahahhahhah diciamo che può essere successo,..... uh, come sono cattiva!!!!! ahahahahahahah

      Elimina
    5. Mitica Poiana, letto ora e approvato ;)

      Elimina
    6. Visto e risposto Anna Maria, grazie :)

      Elimina
  6. sembra fatto apposta ...


    L'incedere lento, flemmatico con le spalle curve in avanti quasi portassero tutto il peso del mondo. Gli occhi celati da tondi occhiali scuri su un naso aquilino sovrastante un ghigno sprezzante. I lunghi capelli lisci, segnano il passo al suono di una marcia funebre. Signori a voi: lo Iettatore!!!

    HU!! HU!!
    ecco m'è scappato così:::: bacio
    io adoro la liquirizia ... non avariata però!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Giusi ma è perfetto! E cis ta eccome Nero, lungo, magro.... tutti scappano e tremano quando lo vedono...
      perfetto!!!

      Signori uomini... avete visto come sono brave e veloci e signore???? :)))

      Elimina
    2. Bravissima Giusi! :D Davvero azzeccatissimo.

      Elimina
    3. Sai, Giusi, che avevo pensato anch'io allo iettatore di Bonolis? Meno male che poi ho scelto un'altra strada ;-)

      Elimina
    4. Ivano perché memo male? Sarebbe stata interessante l'avrà versione. ..ad esempio..due giorni dopo non mi piace più mandi getto è scappata così ;) ...ora sbircio la tua. ...baci

      Elimina
    5. Cellulare anarchico scrive quel che vuole lui. .... era. .la tua versione e ma di getto !!!

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Ahahaha!!! Non ho un cornetto rosso da toccare. ;)
      Carinissimo.
      Ciao Giusi mi fa piacere che tu sia tornata a giocare.

      Elimina
    8. Ahah, ne conosco un paio che sono esattamente come li descrivi tu!
      (Mò, vado a toccare ferro, non si sa mai!)

      Elimina
  7. Mi piacerebbe partecipare, ma non riesco ad essere così immediata come gli altri amici del tuo blog. Però sapendo che c'è un po' di tempo, prendo fiato e mi unisco.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella, c'è tempo fino al 30 maggio ma io non sono così fiscale. Anchhe il giorno dopo... :)

      Elimina
  8. "Tutti a pensare che porto male. Ma oggi spezzerò il pregiudizio!" pensava mentre si avvicinava a un passante che già manifestava nervosismo per l'inatteso approccio. "Questi sono per te!" proclamò porgendogli una banconota da 100 €.
    Il passante guardò il denaro, il menagramo di fronte a lui e la gente che li osservava senza capire cosa stesse accadendo.
    "Chi dona denaro non può portare sfortuna!" si autoincoraggiava mentre la banconota finiva nella mano del dirimpettaio.
    Purtroppo il piccione che svolazzava in quel momento sopra le loro teste pensò bene di svuotare l'intestino sulla testa del passante...
    "Mi hai dato un portaSfortuna!" urlò furioso l'uomo coi capelli smerdati strappando i cento euro e gettandoli via.
    Il poveretto che aveva la sola colpa di essere alto, magro e funereo rimase solo in mezzo alla piazza e alle occhiate terrorizzate altrui. La vox populi aveva vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahhaahahhahahahah Forte!!!!!!! Che risata mi sono fatta!
      Però, hai visto che ha ragione chi dice che non sempre i soldi portano la felicità? ahahahahha
      Bravo Ariano!

      Elimina
    2. Ma questo, Ariano, è pessimismo cosmico! Neanche Leopardi... ;D

      Elimina
    3. Ivano... il passero solitario usciva dalla farmacia e.... ops!!!!!! ahahahahh

      Elimina
  9. urca già un mese è passato?!

    paroleazzurrocielo.blogspot.it
    unazzurrocielo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella.. vola il tempo,, vola!!!!!

      Elimina
  10. Ciao cara ^_^
    Ho voluto provare anch'io... Così, timidamente mi appresto:

    Impettito e incurante degli sguardi di disapprovazione che accompagnavano i suoi passi, Neroniro avanzò fino al giardino delle fantasticherie, dove la signorina sogni d'oro, luminosa, nel suo abito arcobaleno, stava piantando i semi di strabilianti fantasie. Poteva sentirne l'odore da fin giù al viale, tanto che quel profumo, insinuatasi nelle sue strette narici, prese a farlo starnutire ininterrottamente. Neroniro si rammaricò, asciugandosi gli occhi con il lembo del suo abito:
    - Che colpa ne ho io, se sono allergico ai bei sogni? Guai a farne uno! Mi riempirei di scoppiettanti bolle colorate su tutto il corpo.
    Sapeva di non essere ben voluto, né dai grandi, né dai piccini, e non si capacitava di questo. Infondo, al massimo causava un urlo, un po' di batticuore, qualche innocuo spavento, che male poteva mai fare? Gli incubi non sono cose reali. Non sono altro che l'altra faccia dei sogni. Pensava... Grazie ai suoi brutti sogni, molti bambini erano stati avvisati dei pericoli che avrebbero corso, ad esempio, nuotando lontano, mangiando troppi dolci, sporgendosi dalle finestre. E anche gli adulti, erano stati messi in guardia dai loro desideri oscuri.
    - Dovrebbero ringraziarmi, altroché. Cercò di consolarsi. Era davvero stanco di vivere isolato, ai margini del mondo. Di essere guardato sottecchi, con paura. Era arrivato il momento di cambiare le cose. Distribuire incubi, dopotutto, era un lavoro come un altro e questo, non faceva di lui una brutta persona. La signorina sogni d'oro, ne era certo, l'avrebbe ascoltato.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. E hai fatto benissimo!
      Molto bello questo finale. Il bello e il brutto che si posso incontrare e aiutarsi.
      Mi piace!
      Grazie stella! :*)

      Elimina
    2. Complimenti Iara, molto bello e originale il tuo finale :)

      Elimina
    3. Poiana, Patricia grazie. Siete due tesori. :-)

      Elimina
    4. Confermo che ci è piaciuto ^_^

      Elimina
    5. E allora i tesori sono tre.... :) A questo punto più che la verità non può essere no? :)))

      Elimina
    6. Bello e originale Iara. Complimenti :)
      Marina Z.

      Elimina
    7. WoWW!!! Sono quasi invidiosa, proprio bello, e per giunta fantasy!
      Mi piace il nome Neroniro proprio azzeccato.

      Elimina
    8. Grazie. Siete tutti davvero molto gentili.
      Felice domenica. ^_^

      Elimina
    9. Meritatissimi i complimenti Iara :))))

      Elimina
    10. Iara è sempre una garanzia! :)

      Elimina
  11. Estrasse dalla valigetta un foglietto e lo appese a un muro. Vi era scritto:
    “Si notifica il vostro mancato pagamento dell’ultima bolletta dell’esistenza. Ragion per cui ci vediamo costretti a interromperne l’erogazione. Cordiali saluti.”
    Poi andò via, così com'era venuto. E la Terra svanì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!
      Equitalia noooooooooooooooooooooo!!!!!!
      ahahhaahhahaahahhaahha e bravo Marco!

      Elimina
    2. Insuperabile! Applausi. ^_^

      Elimina
    3. Oddio, l'esattore galattico e/o metafisico! Geniale!! :-D

      Elimina
    4. Marco! Ma sei peggio di Galactus *__*

      Elimina
    5. Prima di leggere questo finale stavo proprio scrivendo due righe sul binomio "morte e tasse", le uniche certezze della vita :D
      Proseguo ...
      Marina Z.

      Elimina
    6. Ahahahahahahahaha... mo adesso io che scrivo?
      Se non esisto non posso di certo scrivere ;)

      Elimina
    7. Marina daiii..... ma per il giochino? Soo curiosa... :)

      Anna Maria, e tu fai scrivere il tuo fantasma... :))))

      Elimina
    8. In perfetto stile Lazzara! :)

      Elimina
  12. Oddio mi scompiscio.....ehm di può dire? Fenomenale! !!!

    RispondiElimina
  13. Eccomi! Per tutti quelli che ambiscono a leggere la mia ultima follia a 300 caratteri:
    http://ivanolandi.blogspot.it/2016/05/insieme-raccontiamo-9-lagente-segreto.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto!
      ahahahahhahah e po Max dice a me che son tremenda! ahahahahahah

      Elimina
    2. Ivano l'agente segreto ha colpito ancora *__*
      Finale col botto.

      Elimina
  14. Ecco il mio piccolo contributo partendo dal tuo incipit.

    "Altissimo, di una magrezza spaventosa, vestito di nero pareva una stecca di liquirizia andata a male.
    Al suo passaggio, tutti provavano una strana sensazione. Un misto di paura e angoscia e insieme gelo.

    In paese da molto tempo si era perduto il senso del rispetto per le alte cariche e lui, in quanto sindaco non faceva eccezione.
    Dopo l’accaduto, il terremoto, la distruzione e la mancata ricostruzione.
    Due anni erano passati dal disastro e ancora si contav.ano i danni.
    Per non parlare dei lutti e dei morti che si sarebbero potuti evitare se si fosse pensato alle persone e alla loro sicurezza e meno ai propri interessi. Lo ritenevano responsabile per il consenso agli appalti, per non avere vigilato e prestato attenzione a chi, al suo fianco, aveva rubato a mani basse.
    Lui sapeva, vedeva negli occhi dei suoi concittadini tutto il disprezzo, l’angoscia e il dolore. Pure la rabbia che con il tempo e con i processi in corso, sembrava aumentare giorno dopo giorno.
    Sarebbe andato via l’indomani, assieme alla sua famiglia. Il mandato era scaduto e di certo non sarebbe stato rieletto.
    Scappava, come un ladro, come un coniglio.
    Sarebbe stato un altro punto di demerito da appendere al suo vestito nero.
    Ma che importava ormai, era un morto che camminava lentamente."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Embè! Ce ne fosse uno di questi truffaldini, che nella realtà si vergogni veramente...

      Elimina
    2. FAnta politica.. o utopia?????
      Magari ce ne fossero di persone così!

      Elimina
    3. Ecco, questo è molto realistico, se non fosse che gli imbroglioni non si vergognano.... brava Mariella! :)

      Elimina
    4. Ahahah grazie! Direi che, essendo un brevissimo racconto, ho esagerato con la fantasia, che la realtà è abbastanza amara.
      Un bacio a tutte.

      Elimina
  15. E a Francesca sortiva lo stesso effetto della nera liquirizia, un aumento incredibile di pressione, come se ne avesse mangiato un intera busta! Si rammaricava di non averlo incontrato prima, sai quanti esami diagnostici in meno e quante diete inutili che non sortivano nessun risultato?
    Si vergognava perfino a raccontarselo timidamente tra sè e sè!
    Tutti lo guardavano con disprezzo, calcolandolo solo per il suo aspetto fisico, senza vederne altro. Ma si erano visti? Pensavano forse di essere dei narcisi appena usciti dalla sorgente d'ambrosia?
    Eppure i suoi pensieri sembravano non meritevoli! Era ancora lì, come ogni mattina ad accavallare le lunghe gambe magro. Seduto e solo; sul tavolo centrale del bar. Ignaro e indifferente dei giudizi altrui.
    Era impressionante ma quell'uomo dallo sguardo stranito, gli occhi grandi e azzurri come uno spaccato di cielo la facevano capitolare come una ragazzina.
    Il cuore a mille, il respiro affannato, il viso arrossato. Tutti sintomi che solo lei poteva confessare a se stessa.
    "Signora lei ha avuto uno strabiliante miglioramento! Vede che alla fine i rimedi medici sono efficaci? Ha seguito tutto alla lettera vero?"
    Francesca abbassò lo sguardo leggermente divertita, rispondendo con un leggero "si", non poteva certo confessare che si era solo innamorata!

    Ciao bella Mirtilla... spero ti piaccia :D <3
    Un caro saluto a tutti Ximi mary :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Romanticona Ximi!!!!!! :)))
      E' perfetto!
      Grazie anche a te

      Elimina
    2. Ximiiiii, partecipi anche tu, che bello! :D
      Molto romantico, mi piace :)

      Elimina
    3. Mi piace moltissimo. La prospettiva dell'amore è speciale e non si discute.:-)

      Elimina
  16. Poi lo posto nel mio blog, intanto l'ho messo qui da te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne fai un post metto il link giusto nel riepilogo. Altrimenti metto l link del tuo blog. FAmmi sapere

      Elimina
  17. Accidenti Patricia che sucesso, e che racconti! Questo incipit è piaciuto un sacco. Complimenti.
    Ora però che li ho letti tutti sono veramente in crisi Sobb! Mo che scrivo???
    Comunque arrancando arrivo.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Anna Maria?
      Siete favolosi tutti quanti!
      Dai..che sono sicura che qualcosa ti viene in mente... :)

      Elimina
  18. Ho saltato aprile...ma maggio non voglio perdermelo! :))
    :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Reginella, noo ci sono problemi. Si fa sempre come si può.
      Però ci sei mancata! A tutti intendo eh...
      Bacio!

      Elimina
  19. Ciao Patricia, eccomi questo è il brano che mi è venuto per primo:Lui si aggira furtivo, rasentando i muri. Ama il buio e odia la luce del giorno. E' senza dimora. Ieri era là, oggi poterebbe venire da te.
    Nel suo curriculum ha scritto: "Professionista con esperienza accertata", e in una postilla sottolinea: "Godo di quegli occhi sbarrati, di quei volti esangui, di quei tremori, di quel battere di denti. Brindo quando porto la vittima alla follia. Io sono l'Incubo."

    Tu però carissima sei una fonte di ispirazioni e, ho scritto molto altro ancora, se ti va passa dal mio bolg.
    sevuoiunavitadasognodormi.blogspot.it/2016/05/insieme-raccontiamo-9.html
    Ciao musa ispiratrice *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo subito sul tuo blog, Prima però ti ringrazio e ti faccio i complimenti.
      Che personaggio sadico!!!!!!!! Proprio un serial killer dei sogni sereni!
      Bacio!

      Elimina
  20. Dai che forse 'sto mese ce la faccio a partecipare come i "vecchi" tempi XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sarà meglio PiGreco, altrimenti.... ahahahahhaah
      Altrimenti ti direi battipanni ma l'ho già promesso a Max! ahhahahaha
      Fai come riesci, tanto lo sai che il tempo scade il 30 di maggio e che io non sono poi così fiscale! :))

      Elimina
  21. Eccomi anch'ioooo!

    Aveva gli occhi di tutti addosso, non era solo la sua esile figura a colpire l'attenzione, ma quel vestito nero che aderiva alla sua pelle come una guaina soffocante nonché il minaccioso esercito di fusti lunghi e dinoccolati che camminavano al suo seguito, anch'essi invisi e scansati quasi fossero alieni venuti da chissà dove.
    Invece, esseri senza meta e privi di coscienza vigile, non avevano ingannato con l'apparenza: erano semplicemente un'orda di lucide stecche di liquirizia animate dalla bacchetta magica di un apprendista mago, al suo primo esperimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHHAHAHAHAAHHH L'apprendista stregone!!!!
      Simpaticissimo!
      Brava!

      Bacio!

      Elimina
    2. Un mago talmente alle prime armi che le ha pure fatte andare a male! ^^

      Elimina
    3. Il mago sì, Marina. L'autrice...direi di no!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Grazie Patricia!
      Il "grazie, Iara" del commento eliminato veniva dopo! :D

      Elimina
    6. Oh, è niente quello! Capita!
      A me, mai ahahhahahahahahah aprite la porta pechè il naso si allungaaaaaaaaaaaaaaaaa
      :)

      Elimina
  22. Beh, direi un finale Magico! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salagadula magica bula bibidibobidi bù.... :)))

      Elimina
    2. Grazie, Iara!
      Mancava una bacchetta magica, anche se messa in mani sbagliate! :D

      Elimina
  23. Ed ecco il mio finale! Attendo il riepilogo per leggere gli altri...Ma se mi riesce do una sbirciatina prima! :DDD

    "Fece capolino dallo schermo. Lei era lì, che bacchettava sulla tastiera spremendosi per capire cosa dovesse scrivere.

    - Tu, scellerata..., che fine hai fatto in tutti questi mesi?

    Sobbalzò. Un’onda di gelo la pervase.

    - Gesù... ma che ti sei mangiato dieci pacchetti di Vigorsol Air che quando respiri fai st’effetto refrigerante… -, disse colpita.

    - Ehm... ho preso due mentine... soffro di alitosi... -, si schermì lui.

    - Ah, bè… - . Si riscosse, il terrore la avviluppava. - Chi sei?... Che vuoi?... Cosa cerchi?

    - Na dumanda per vota, s'a t'peuri …

    Sgranò gli occhi. – Ma che lingua parli... ?

    - Piemontese ‘gnurant! …

    - Senti un po', cosu nivuru, a te già nell’incipit t’hanno dato della stecca di liquirizia andata a male… devo aggiungere altro...?

    Lui sembrò risentirsi, quasi quasi gli spuntarono i lacrimoni negli occhi infossati.

    - Vabbè, dai -, disse lei, bonaria – facciamo pace… Ma dimmi, che fine hanno fatto i mei amici..., Manny il Lupo, Vlad il vampiro, Squittix la tremenda… Non li trovo più…

    Una risata raggelante spazzò l’aria tutt’intorno. Lo stecco aveva ripreso consapevolezza di se e stava dando libero sfogo a tutta la sua essenza al mentolo.

    - Ti sei persa le ultime due puntate di Insieme Raccontiamo – ghignò, crudele. – Se i tuoi compari vorrai ritrovare, nessuna puntata dovrai più saltare… -

    - Ma chi ti manda... ? – implorò lei, pregando che quell’essere mostruoso cambiasse per carità alimentazione, quel lezzo di menta era veramente insostenibile.

    - Mi manda... Lei!… muahmuahmuahmuahmuha... -

    - Ma Lei, chi… ?

    Si erse in tutta la sua stecchinotaggine.

    – Lei… l’Innominata… .

    E scomparve prima che potesse chiedergli altro. Dietro di lui una scia, come di inconfondibile Saila."

    http://diariodiunadonnasenzaimportanza.blogspot.it/2016/05/insieme-raccontiamo-9-by-myrtillas-house.html

    BACIONI E UN SALUTO AFFETTUOSO E GENERALE :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' Troppo Forte!!! (Non la menta. Il finale.)

      Elimina
    2. ahahahhahahahahhahhahahahhahahahaha
      E poi c'è da chiedersi se ci è mancata??????????? Ma va! ahahahahh Eccome se ci è mancata!
      Brave Reginella!
      L'innominata!

      Elimina
  24. ecco .... scritto il mio finale qui
    http://paroleazzurrocielo.blogspot.it/2016/05/insieme-raccontiamo-9.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella, un bel finale aperto ehh.... e l0immaginazione lavora lavora lavora.... :)
      Bacio!

      Elimina