martedì 20 settembre 2016

INSIEME RACCONTIAMO 13


               INSIEME RACCONTIAMO 13

#insiemeraccontiamo   #fareblogging   #racconti

Ed iniziamo il secondo anno di questo giochetto che sta diventando sempre più importante per me e spero, almeno mi pare, gradito a voi.

Dopo il successo strepitoso del numero 12 dove ci siamo messi in campo armati di tanta ironia e voglia di divertirsi prendendosi bonariamente in giro, ora torniamo più seri.

Ricominciamo ma con le solite regole:

- io scrivo qui l'incipit 

- voi potete scrivere  nei commenti o se preferite nel vostro blog indicando comunque nei commenti il link al vostro post un finale di 200/300 battute oppure di 200/300  parole. O anche entrambi se vi va.

- avete anche la possibilità postare foto, video, musiche.

- termine di scadenza il 30 settembre

Ringrazio ancora una volta tutti i partecipanti dell'anno precedente.
Non vi menziono tutti perchè tra i fedelissimi e coloro che hanno solo fatto una capatina  ogni tanto siete veramente molti.

E ora, si dia il via alla danze!


Il mio incipit
  

Seduta sulla poltrona, alzò gli occhi dal giornale. L’articolo le aveva fatto capire cosa doveva cercare per ottenere quello che voleva.
Lo posò, si alzò e così come era in casa uscì dirigendosi verso….




64 commenti:

  1. ...verso il fondo del giardino dove stava un albero secolare e si impiccò.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vinci il premio velocità, Sinforosa :)))
      Ma anche quello tristezza. Arrabbiata?
      Bacio stella

      Elimina
    2. Ma no, mi è venuta di getto. Che brutta fine, però.
      Ciao ciao
      sinforosa

      Elimina
    3. Chissà come mai a volte le cose vengono così.. è come se si accendesse una lampadina. Tic tac... acceso :))
      Sì, è una fine penosa. Meglio non pensarci.
      Bacio maestra Sinforosa

      Elimina
  2. Cara Patrizia, sono passato per augurarti una buona e serena giornata!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Non prometto niente, ma vedo se questo mese riesco a partecipare anche io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvaiiiiiiii!!!! :)
      Sei sempre il benvenuto Nick!

      Elimina
  4. Come sempre: appena ho un minuto ci penso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo! Scade il 30. Hai tutto il tempo che vuoi ☺

      Elimina
  5. Comincio a spremermi le meningi!
    Sempre forte tu.
    Cristiana

    PS. Mi puoi dire quali sono i tuoi blog? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai con calma Cris.... c'è tempo fino al 30 del mese.
      Ho solo questo blog, perchè?
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Le mie idee sono in downloading... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta un po' Marina.. downloading.... vuol dire? 😊 il fatto che io giochi col pc non vuol dire che sappia come si fa 😆
      Download significa scaricare giusto?
      Oh, allora siamo in due. Io son più scarica adesso che prima delle ferie..ahahahah
      Ci sono 10 giorni,tranquilla!

      Elimina
  7. Ci penso e mi organizzo ;)
    Bacio.

    RispondiElimina
  8. Ecco il mio contributo:
    Seduta sulla poltrona, alzò gli occhi dal giornale. L’articolo le aveva fatto capire cosa doveva cercare per ottenere quello che voleva
    Lo posò, si alzò e così come era in casa uscì dirigendosi verso….
    la sede del comune della sua città.
    A dire il vero era tempo che ci pensava e rifletteva sul da farsi.
    Aveva provato a parlarne diverse volte con Michela.
    Ma ogni volta era come scontrarsi contro un muro altissimo.
    L’atavica paura di lei di dover dare troppe spiegazioni, dell’esporsi ad ogni sorta di giudizio altrui, la bloccava. E poi la famiglia di Gianna, sempre così dura, così distaccata e lontana che fondamentalmente non le aveva mai accettate.
    Dimostravano una totale indifferenza alla situazione. Ne parlavano pochissimo, toccando con mano il continuo disagio altrui.
    “Stiamo bene così, cosa ci manca?” Le ripeteva spesso, ogni volta che affrontava l'argomento, chiudendola lì.

    Eppure era quello che avevano sempre desiderato.
    Dal primo giorno di liceo, quando si erano ritrovate sedute allo stesso banco. Il sole sulla testa e quel battito fortissimo nel petto.
    Passo dopo passo, sempre insieme da quel momento in poi.

    Lei non aveva paura di nulla. Si può avere paura dell’amore?
    Gianna salì al 1° piano. Entrò nell’ufficio del sindaco ed esordì guardando suo fratello dritto negli occhi e tenendo ben stretto il giornale in mano. Lui le sorrise, lei ricambiò.
    “Io e Michela ci sposiamo. E la tua decisione è il più bel regalo che tu potevi fare a noi e all’amore.

    Nessuna paura dell'amore. Mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow!!!!!! Bellissimo!!!!
      Grazie Mariella.
      E speriamo che sia così con sempre maggiore facilità!

      Elimina
    2. Grazie Pat.
      Questa volta ci faccio un post per celebrare l'inizio del secondo anno di questa iniziativa bellissima.
      Smack.

      Elimina
    3. Bene! così ivece del link del blog metto proprio quello del post.
      Bacio

      Elimina
  9. Hai scelto una strada quasi uguale a quella del mio disegno :D ... non ricordo che "insieme raccontiamo" era ...
    Scade tutto il 30! Questo weekend devo darmi da fare a quanto pare 😃
    Bacio cara
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Marina, forse l'incipit di questo mese ne ricorda uno vecchio adesso che ci penso. uhm-.... memoria!!!!!!! miciomicio dove sei???? ahahahahha
      Comunque ho visto che i finali già arrivati... urca!!!! ;)

      Elimina
  10. Quasi quasi stavolta partecipo anch'io con un post sul blog... :-) Volevo solo chiedere se posso cambiare la foto o è parte integrante dell'incipit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, sarebbe un vero piacere e onore se partecipassi :)

      Quella foto è il banner dell'iniziativa. In genere chi partecipa con un post sul suo blog la mette sempre.
      Qualunque foto tu voglia aggiungere però puoi farlo senza problemi. C'è chi oltre al banner mette anche più di una foto, chi video e chi musica... o chi mette tutto quanto.
      Ti aspetto allora!
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Ho capito tutto, almeno spero... ;-) Allora mi do da fare per il 30/09, pubblicherò in quella data. Un abbraccio anche a te. Mao!

      Elimina
    3. Eccomi qua, Patricia... come al solito in zona Cesarini. Il link al mio post appena pubblicato è:

      http://ilmanoscrittodelcavaliere.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13-la-risata-del.html

      Mi sono proprio divertita! Alla prossima, ora rilancio su Fb.

      Elimina
    4. In zona Cesarini? Ma c'è tempo fino a mezzanotte... ahahhaha
      poi comunque è già successo che qualcuno sia arrivato in ritardo e lo abbia aggiunto dopo. Sai... qui giochiamo alla buona.
      CìGrazie infinite, Cristina. VEngo a curiosare subito e poi aggiorno il post per domani... sperando che la connessione tenga perchè fa disperare da 2 o 3 giorni.

      Elimina
    5. Bellissimo Cristina! Molto veritiero anche. Quando la mente smette di funzionare purtroppo la realtà e l'irrealtà non hanno più confini certi.
      Mi piace! Grazie!

      Elimina
  11. Ou belin, ma se non era per il post di Mariella mi ero "fumato" IR 13, cavoli, ma avvisare Nooooo? hahahahaha mou belin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUI

      Sei tu che non mi ami abbastanza!!!! Io avevo messo il post! prrrrrrr

      Elimina
    2. Dimenticavo...
      UOMINI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      hahahahahahahahhah

      Elimina
    3. Hai ragione. Sono proprio rinco, quindi ha ragione anche mia moglie. DONNE !!!!!! ma la finite di avere sempre ragione? 😃😃😃

      Elimina
    4. ahahahahahahahahahah
      Max... la donna perfetta cioè io... ha nascosto in frigorifero i fiammiferi di legno... sai avevano caldo quest'estate... ahhahahahahaha
      Tranquillo che rinco più rinco mmeno di questi tempi siamo tutti uguali!ahahahahahahahh

      Elimina
    5. Ah ecco, siamo messi proprio bene qui!
      AHAHAH

      Elimina
    6. Quella è solo una delle tante, Mari....ella! :D)

      Elimina
  12. Ci sono anche io!!!! E sono contentissima di essere riuscita a partecipare(stavolta con un finale frivolo)! http://accidentaccio.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13-le-scarpe-rosse.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima!!! Vengo subito a leggere!

      Elimina
    2. Frivolo ma... vent'anni di meno e le comprerei subito!:)

      Elimina
  13. Ciao Patricia, per fortuna sono ancora in tempo :-)

    "Seduta sulla poltrona, alzò gli occhi dal giornale. L’articolo le aveva fatto capire cosa doveva cercare per ottenere quello che voleva.
    Lo posò, si alzò e così come era in casa uscì dirigendosi verso….
    il canile comunale.
    Posteggiò l’auto davanti all’ingresso e suonò il campanello.
    Le venne ad aprire un signore di mezza età, cui mostrò l’articolo di giornale che aveva ritagliato.
    L’uomo allargò un sorriso:
    -È una delle poche persone che hanno deciso di rispondere al nostro appello. Posso sapere perché ha deciso di farlo?-
    Giulia lo seguì all’interno del canile, che sapeva di solitudine e tristezza:
    -Non lo so bene. Forse sono giunta a un punto della vita in cui devo salvare qualcuno, per salvare anche me.-
    -Quando è così, cominciamo a compilare i moduli per l’adozione. Ha con sé dei documenti?-
    -Certo.-
    Il signor Franco trascrisse i dati e la guidò attraverso un corridoio avvolto nella penombra.
    Giulia lasciò vagare lo sguardo attraverso le gabbie, dove sul fondo era stata sparsa della segatura. C’erano cani di tutte le taglie, di razza e meticci, cuccioli vivaci e altri più tranquilli.
    Poi la sua attenzione venne catturata da un cane bianco a macchie marroni, che la fissava in silenzio steso sulla pancia con i suoi occhi scuri colmi di infinita solitudine.
    -Lui chi è?-
    -La chiamiamo la Matriarca, è qui da sei anni e non l’ha voluta nessuno.-
    -Perché?- domandò incuriosita.
    -Perché dicono che è brutta.-
    Giulia sentì una morsa al cuore. Anche lei non piaceva a nessuno, nemmeno al suo ex marito che aveva preferito andarsene via con un’amante più giovane.
    Prese la sua decisione e qualche ora più tardi, dopo un bel bagno caldo, invitò la Matriarca a sedersi sul divano del soggiorno.
    La cagnolona la guardò incerta, poi saltò agilmente accanto a lei e posò la testa sulle sue gambe.
    -A questo punto bisogna trovarti un nome vero.- disse –Cosa ne pensi di Libertà?-
    E Libertà abbaiò, felice come non lo era mai stata in tutta la sua vita canina.”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel finale Ofelia!
      Hai descritto il canile a meraviglia. Purtroppo entrarci è ricevere un pugno nello stomaco e vorresti prenderli tutti.
      Grazie stella

      Elimina
  14. Ecco il finale di Guardiano del faro direttamente dal blog di Mariella
    https://acquamari.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13.html

    Il blog di Guardiano è questo http://langolo-del-sorriso.blogspot.it

    ... il bagno, sfilandosi il pigiama, si ficcò sotto la doccia, aprì il rubinetto e, mentre l’acqua le sferzava la pelle, procurandole uno spiacevole brivido di freddo, prese a ragionare fra sé, a voce alta: “Vediamo... sono le otto, se mi sbrigo ed esco alle otto e un quarto, potrei farcela. Da qui al centro direzionale non è molto, ci vogliono quindici minuti. Già... se non ci fosse traffico! Non posso fare tardi, ho un dannato bisogno di quel posto.” Ed infatti ne aveva proprio bisogno, avendone perduto uno due mesi prima.
    Si asciugò e si vestì in un baleno e dopo un quarto d’ora era già fuori alla porta. Raggiunse il garage, montò sulla sua vecchia Mini Minor, verde metallizzato, avviò il motore e diresse verso la tangenziale. Percorse circa un chilometro ad andatura piuttosto sostenuta, zigzagando fra le vetture, poi l’imprevisto: sentì un gran fracasso e una dolorosa sferzata alla schiena. Qualcuno l’aveva tamponata. “Questa non ci voleva!” - disse fra sé e sé, mentre sul viso le si dipingeva una piega di dolore.
    “Si è fatta male?” – chiese a un tratto un signore, sporgendosi dal finestrino.
    “Abbastanza” – replicò lei, portandosi le mani ai fianchi ed uscendo dalla vettura per raddrizzare la schiena. “Insomma, dove aveva la testa!”- soggiunse secca.
    “Mi scusi, sono imperdonabile, ero distratto stavo parlando al cellulare. – replicò l’altro – Comunque, non si preoccupi, la farò indennizzare, le rifaranno l’auto nuova.
    La ragazza lo guardò e disse: “Non m’importa tanto per l’auto, mi secca di aver perso un importante appuntamento di lavoro.”
    Il signore, intento a scavare nelle proprie tasche, sembrò non raccogliere e aggiunse: “Questo sono i miei dati e il mio il biglietto da visita. Non esiti a contattarmi… sono suo debitore, in tutti i sensi.”
    La donna prese il biglietto e lesse: “Maurizio Gondrand – Spedizioni Marittime”, poi rilesse e spalancò la bocca, incredula. Dopodiché esclamò: “Questo è il più bell’ incidente che mi potesse capitare!

    Ringrazio il nuovo finalista e lo saluto con piacere

    RispondiElimina
  15. Ed io, gentile amica, ringrazio te per l'ospitalità.
    Saluti cordialissimi e a rileggerci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere reciproco :)
      Anche un gran bel finale, una bella botta di.. fortuna eh :)

      Elimina
    2. Sì, una gran botta di...
      Grazie ancora ^__*

      Elimina
    3. ahahhaahahahahah
      Grazie a te!

      Elimina
  16. Ti dirò la verità Pat, non ero sicura di riuscire a partecipare questa volta, ma ce l'ho fatta :D
    Ecco il link: https://marinathinkcreative.blogspot.com/2016/09/insieme-raccontiamo-n-13.html
    Buona Domenica!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per leggere gli altri aspetto il tuo prezioso riepilogo ;)
      Notte

      Elimina
    2. Romanticonaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

      Elimina
  17. Ecco il mio, Patricia. Buona domenica!

    http://trentunodicembre.blogspot.it/2016/09/domenica-insieme-raccontiamo-13.html#more

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo Marina!
      Adoro le tradizioni popolari. Sono parte integrante di noi. Guai a perderle!
      Ciao e grazie!

      Elimina
  18. Ciao !!!!! Sono tornata!!!! In realtà non sono andata in nessun posto ma ero "lontana" con il resto. Mi piace l'incipit e mi impegno a partecipare anche io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella!
      Infatti è un po' che manchi dal web. Dai, ricomincia coi tuoi bei racconti che mi mancano. Parole azzurro cielo è trooooppo silenzioso!

      ps lo so... a volte si è presenti col corpo ma la testa va da tutt'altra parte.
      Bacio

      Elimina
  19. E infine sono arrivato pur io, stavolta con due long versions:

    https://ivanolandi.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13-il-mistero-dei.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... ma sei ancora in tempo a scriverne 5 ahhahahahaha
      No, due bastano, dai! Voglio la blog novel!!!!!
      Sì, lo so... donne! Incontentabili :))
      Vado subito a leggere!
      Ciaooooo

      Elimina
    2. Belli, Ivano!!!
      Qialcosa a che fare con la fantasia, la mitologia, la magia.... la voglia di tornar bambini senza problemi... :))

      Elimina
  20. Anche io ci ho provato...
    https://melorenza.blogspot.it/2016/09/settembreinsieme-raccontiamo-13.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E brava Lorenza!
      Grazie! Arrivo subito a leggere e poi aggiorno il post!

      Elimina
  21. Eccheloooooooo: http://massimilianoriccardi.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13.html
    Preparate l'insulina, altissimo rischio di diabete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto zucchero? Tanta panna? Ok, son talmente golosa che va benissimo! ahahah
      Bacio stella!

      Elimina
    2. NON è mielosa, Max! e' struggente, tenera, dolorosa.... sei una favola!

      Elimina
  22. E ti pare che manco?
    http://squittydentrolarmadio.blogspot.it/2016/09/insieme-raccontiamo-13-larcobaleno.html
    Devo ancora leggere mezzi finali dell'altra volta ... e non dico altro.
    Però, anche se all'ultimo, era impossibile mancare.
    Giuroooooooooooooooooo, recupero tuttoooooooooooooooooooo!!!!
    Baci a tutti e poi ..... poi ritorno ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E menomale!!!! Altrimenti... altrimenti non ti faccio più amica!!!!
      ahahhahahaha non si diceva così da bambini?
      Bello. Speranza speranza speranza

      Elimina