domenica 20 novembre 2016

Insieme raccontiamo 15

        Insieme Raccontiamo 15



#insiemeraccontiamo
#racconti
#fareblogging


Eccomi qui, per il rotto della cuffia ma non avrei mai perso questo appuntamento sempre più importante e seguito.
L'incontro mensile tra amici virtuali che si divertono a giocare tra di loro senza rivalità mettendosi a confronto con finali vari, foto, musiche, video.

Le regole, sono sempre le solite.

Chi vuole partecipare, deve scrivere il finale al mio incipit usando 200/300 battute oppure 200/300 parole. O entrambi se preferite.
Lo può scrivere qui sotto nei commenti oppure postare sul blog personale indicando sempre nei commenti il suo link in modo che possa trovarlo.
Siete liberi di inserire foto, video o musiche o tutto quanto volete.
Il giochetto inizia oggi e finisce il 30 di novembre ma voi sapete che non sono così severa. Se tardate non vi metto in castigo in ginocchio sui ceci ahahahah 
Ah... anche se sforate sul numero di battute o parole, prometto che non vi punirò. 
Questa volta, l'ho fatto pure io  😃

Allora, partiamo?

Ecco il mio incipit

 
Guardava la pioggia che dietro ai vetri cadeva incessante. Gocce fitte, allungate come tagli arrivavano da un coperchio nero che sovrastava la città.

Formavano una cortina così fitta da isolarla dal resto del mondo. Sparite le altre case. Via il campanile che di solito si ergeva contro l’orizzonte come un guardiano silenzioso e severo. Solo acqua, tuoni e fulmini. Per il resto, buio completo. Notte in pieno giorno. Una notte improvvisa e strana. Nata in cinque minuti. Senza preavviso.

Poi, accadde.

Myrtilla




https://pixabay.com/en/norman-oklahoma-lightning-dangerous-79860/ 


58 commenti:

  1. Questo mese sono già in arretrato di due meme, ma vediamo se esce fuori qualcosa lo stesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non parlarmi di arretrati Ivano!!!!
      Sono riuscita a preparare questo ieri sera e non so come...
      Per i meme, sia Cristina che Nick ci perdoneranno :)

      Elimina
  2. Una strana telefonata. Suoni metallici e confusi provenivano dall'altro capo della cornetta.
    Si sgolò a gridare "pronto, chi parla?" ma niente. La tv si accese di colpo, poi si spense. La luce andava e veniva.
    Dal campanile di quel grigio skyline arrivò un fascio luminoso che colorò tutta la casa di un freddo celeste.
    Erano qui per lei. Come aveva letto ne "L'invasione degli ultradiafani". Tornò presto il sereno, il sole riprese a splendere e specchiarsi in mille pozze d'acqua lungo le strade.
    Di Isabel, ancora oggi, non si è più saputo nulla.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Super Miki Moz!!!!! Più veloce di superman!!!
      Bello! Gli alieni sono tra noi. :)
      Grazie e buoa domenica

      Elimina
  3. Risposte
    1. Intanto Miki Moz ha bagnato il naso a tutti ahhahahahahhah Speedu Gonzales a lui fa un baffo ahhahhahahah
      Poi, dai... sembra studiata per te e per azzurrocielo... voi che amate i serial killer e la suspence :)

      Elimina
    2. già già .... Max che ci ispira questo incipit?!

      Elimina
    3. Mettiamoci sotto azzurrocielo che altrimenti qui la Patri ci sgrida :D

      Elimina
    4. Eccome no.... prendo il randello e poi.... ahhahhahahahaha
      Max... ma nemmeno ci arrivo a te! Sono... troppo alta, troppissimo ahahhaahhahah

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. La luce tornò con il sole. Ma il sole invece di sorgere a est, spuntò a ovest. Ricomparve anche il campanile e vide che le lancette iniziarono a girare in senso antiorario. Si guardò le mani e si accorse che le unghie appena tagliate erano ricresciute allo stesso modo.
    Sembrava che ora tutto stesse ricominciando e stesse andando al contrario. La televisione si accese su un film che era appena finito, con una canzone che partiva dalla fine.
    E allora capì quale fosse la tragedia in cui era caduta.
    Oggi era il suo compleanno e da lì sarebbe solo tornata indietro. Avrebbe rivissuto ciò che aveva vissuto. Tutto al contrario. L’amore che se n’era andato sarebbe tornato per poi sparire ed essere dimenticato. Avrebbe rivisto suo padre. Avrebbe rivisto sua madre. Sarebbe ritornata bambina. Dolori già provati. Gioie già vissute.
    Soltanto un dettaglio aveva l’aria di essere del tutto nuovo: le lacrime agli occhi che avevano sostituito le gocce di pioggia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Ferruccio!
      Grazie infinite per la partecipazione! E che finale! Sembra quasi una rinascita. Un ritorno alle origini.
      Bellissimo!

      Elimina
    2. Ho postato tre volte perché c'erano errori nel testo. Magari ci sono ancora ma lasciò così

      Elimina
    3. In realtà mi ha affascinato l'incipit per il buio, credo tu sappia perché!

      Elimina
    4. Per gli errori,tranquillo. Myrtilla ne fa tanti cbe non guardi quelli altrui 😊
      Il buio... non saprei Ferruccio. La prima cosa che mi viene in mente è il mondo buio e sotterraneo dei ragazzi delle prime puntate deltuo racconto. Il buio del loro mondo e del loro cuore. Poi,non so se è a questo che ti riferivi.

      Elimina
    5. Pensavo al racconto Buio all'alba! :-D

      Elimina
    6. Hai ragione! E pensare che mi era piaciuto e avevo commentato... scusa!
      Vedi che quando parlo di alzeimher non mi sbaglio di tanto. Non ricordo più nulla.

      Elimina
  7. Poi accadde: un boato terrificante e una gelida ondata d'acqua si riversò in casa portandosi via ogni cosa, anche lei, in un attimo. Lo spavento durò il tempo di un batter di ciglio e fu il buio, e fu il silenzio senza fine.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto tragico Sinforosa però purtroppo molto reale.
      Bello davvero!
      Grazie e buona serata

      Elimina
  8. mmmmm..... come ha scritto max qui occorre impegnarsi. Sì, Patricia , è del mio genere preferito...vedremo che salterà fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao azzurrocielo.
      Scommetto che salta fuori qualcosa di bello e... pauroso 😊

      Elimina
  9. Bello questo inizio.
    Spero di riuscire a trovare il mio finale.
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca.
      Prova dai.... non deve essere per forza horror.
      Bacio

      Elimina
  10. Ciao Patricia, questa volta ho scritto d'istinto senza controllare le battute ed ho sforato di un bel po', mi dispiace e chiedo scusa anche se tu non mi punirai, ho pubblicato il finale nel mio blog, ma lì non può essere copiato, così lo lascio anche qui da te. Un bacio amica mia e un saluto a tutti !

    Sentì un urlo straziante provenire dal piano di sotto, si precipitò nell'ingresso, aprì la porta, scese di corsa i gradini e trovò la sua vicina in lacrime circondata dagli altri condomini; tra un singhiozzo e l'altro stava spiegando che il suo gattino, spaventato dal fragore di un tuono, era scappato in strada e attraverso la feritoia sotto il marciapiede era andato a finire nella fogna che si stava riempendo d'acqua. Era necessario trovare il modo per salvarlo altrimenti sarebbe annegato quanto prima. Ismaele provò a intervenire: - " Signor... " ma la figlia della vicina non lo fece finire di parlare e con un' acredine immotivata lo aggredì:
    - " Sta zitto brutto nano, lascia parlare chi è capace e non farci perdere tempo. "
    Ismaele abbassò la testa, si voltò, si diresse verso il portone e uscì sotto la pioggia battente mentre gli altri ritornarono a formulare ipotesi sul possibile salvataggio. Il gettito d'acqua era così abbondante e il vento così violento che si faceva molta fatica a camminare. Il piccolo grande uomo spinto dalla sua caparbietà riuscì a raggiungere il marciapiede che si trovava davanti alla casa, si piegò per individuare la feritoia da cui proveniva il miagolio dello sfortunato gattino, si avvicinò e senza pensarci due volte si calò dentro. Un odore nauseante lo travolse, ma non era importante per lui, si guardò intorno ed ecco che subito vide quel batuffolo nero che annaspava per rimanere a galla, lo prese, lo accarezzò per rincuorarlo e lo adagiò delicatamente tra il suo petto e la camicia, si aggrappò alla feritoia con le spalle all'ingiù per non far male al gattino e si tirò fuori da quel luogo maleodorante, corse verso casa, provò a spingere il portone, ma si era chiuso, suonò il campanello della vicina che aveva perso il gattino e si attaccò al vetro per far capire ai presenti che era lui. La stessa ragazza che precedentemente l'aveva insultato, entrò indispettita nel suo appartamento e aprì il portone pronta a vomitare tutta la sua rabbia addosso a Ismaele: - " Coglione! " gli disse accompagnando la voce con un gesto del dito medio della mano destra.
    - " Insignificante mostriciattolo venuto al mondo, grondi acqua da tutte le parti e sporchi il pavimento. " aggiunse la madre della ragazza.
    Poi entrambe spostarono l'attenzione verso quel circolo di saggi che cercava ancora una soluzione.
    Ismaele si avvicinò al gruppo, ma tutti si ritrassero per l'olezzo che emanava, lui si sbottonò la camicia quel tanto che bastava per far uscire il gattino, lo cinse con attenzione, lo salutò e lo poggiò sulle mani della vicina che rimase a bocca aperta. Senza guardare nessuno, quel grande cuore generoso andò verso le scale, salì al suo piano, entrò in casa e si richiuse la porta alle spalle. Si tuffò sotto il getto caldo della doccia, poi riprese a lavorare come se niente fosse accaduto e a tarda notte andò a dormire.
    Il mattino seguente fu svegliato da un rumore insolito, aprì prima un occhio e sbirciò, aprì poi anche l'altro e vide il gattino che faceva avanti e indietro sul davanzale con dei piccoli intervalli in cui graffiava l'intelaiatura della finestra, si alzò, andò ad aprire e raccolse il piccolo che pieno di gioia gli fece le fusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. STUPENDO!!!!!!!!!!!!!!
      Brava Sciarada! Giudicare dalle apparenze e con la testa piena di pregiudizi è sempre la soluzione più facile ma la peggiore.
      Chiedere scusa poi... non è di moda.
      Bacio grandissimo!

      ps tranquilla! Non conto le battute o le parole. Pure Myrtilla nell'incipit ha sforato questa volta.. oh, beh! E' casa sua;faccia cosa vuole ahahhaahhahahaha

      Elimina
  11. Cara Pat, complice la pioggia, ecco qui il mio finale! XD
    Ho personalizzato il post, approfittando per allargare il discorso... :D E ovviamente ho sforato alla grandissima!!!
    https://lanostralibreria.blogspot.it/2016/11/insieme-raccontiamo-novembre-2016-esperimento-con-Frederick-Montgomery-di-John-Banville.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva la pioggia allora, Glè!! :))
      Vengo subito a leggere.
      Bacio e grazie!

      Elimina
    2. Dimenticavo.... hai sforato? Birichina! Non si fa!! ahhahahaha
      Pure io stavolta l'ho fatto maa che importa? Mica è un concorso ufficiale....

      Elimina
  12. Ciao cara Pat, anch'io sono in superarretrato con i miei post. Il tempo vola quando ci si diverte... e anche quando non ci si diverte, peraltro.

    L'incipit mi attizza moltissimo, ma non so se riuscirò a partecipare questo mese. Sono incasinatissima (problemi familiari e impegni a pioggia)! Leggerò molto volentieri tutti i racconti, però. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina.
      tranquila stella! Si fa sempre come si può! Tu sai che la porta è sempre aperta ma se non riesci non ci sono problemi.
      Problemi familiari... lasciamo perdere? Parliamo di altro? Altrimenti ti racconto le ultime novità fresche e bagnate di stamattina.....
      Un bacio e appena riesco a mettere insieme due idee penso anche al tuo meme. E' lì, imbastito come un abito in misura ma.... :(
      Ciaooooo

      Elimina
  13. È il periodo degli incasinamenti, vedo. Mi sento meno sola. Ma non rinuncio.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, pensa che io ho preparato il post il 19 alla sera... in genere preparo quello del mese successivo quasi subito dopo aver pubblicato quello del mese in corso..
      È un periodo così...storto!
      Ciao

      Elimina
  14. Eccomi! Chi vuole trova qui il mio contributo (300 parole tonde tonde):
    https://ivanolandi.blogspot.it/2016/11/insieme-raccontiamo-15-locchio-dal.html

    E grazie Patricia :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che perfesiùn!!!!!!! ahhaahahaha
      Arrivo subito a leggere e poi aggiorno il riepilogo.
      Grazie!

      Elimina
  15. Cara Patricia, partecipo anche questo mese ecco il link:
    http://simplelifeintuscany.blogspot.com/2016/11/credevi-fosse-amore.html
    Ciao e grazie a te ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Verbena! E grazie.
      Arrivo anche da te.
      Credevi fosse amore... uhm... curiosa!!!!!

      Elimina
  16. Eccomi anch'io.
    BUONA DOMENICA!
    http://trentunodicembre.blogspot.it/2016/11/domenica-insieme-raccontiamo-15.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella! Ho visto e letto 😊
      Grazie!

      Elimina
  17. Ciao cara, ho partecipato anch'io.
    Trovi il contributo sul mio profilo di Google+
    Bacioni. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Iara! Letto commentato e piaciuto!
      Bacio

      Elimina
  18. eccomi... arrivata quasi all'ultimo minuto
    http://paroleazzurrocielo.blogspot.it/2016/11/insieme-raccontiamo-15.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che all'ultimo minuto... c'è tempo fino a mezzanotte e poi la carrozza ritorna zucca... no! Questa è un'altra storia ahahhahahaha
      Vengo subito a leggere.
      Sono convinta che sarà bellissimo! Grazie!!!!!!

      Elimina
  19. Eccomi,per un soffio....giorni troppi pieni,ma che bello il tuo incipit!
    Grazie
    https://melorenza.blogspot.it/2016/11/insieme-raccontiamo-15.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorenza, ma no, tranquilla!!!! A parte che scade a mezzanotte e se poi proprio arrivavi in ritardo non c'erano problemi!
      Arrivo subito a leggere ma sono sicura che sarà bellissimo anche il tuo!
      Ciao e grazie!!!

      Elimina
  20. E come figliol prodigo, sicuro di perdono, giungo a te, Patricia con il mio recupero!!!
    Lo sai che non posso mancare, no?
    (e così mi lavo pure la coscienza per non aver mai scritto il post della nostra raccolta #gatti, pure qui sono naturalmente fuori raccolta).
    http://squittydentrolarmadio.blogspot.it/2017/01/ispirazioni-co-gatti-insieme.html
    Sicura dell'assoluzione mi avvio verso I.R. 16.
    E dopo questa indegna sviolinata, me ne vado!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente, sempre in ritardo, mi faccio il giro dei partecipanti!!!

      Elimina
    2. Perdonarti...non so.. magari ci penso! prrrrrrr
      Va beh.. visto che il 6 è la nostra festa.. tra befane ci dobbiamo sostenere no? ahhahahahahahahah
      Preparo subito il post di recupero!
      Ciaoooooooooo

      ps IR pazienza ma la tua raccolta... vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!! ahahhahahahah

      Elimina
    3. Ma non lavorare per nulla, Pat, non serve il post di recupero!
      Sì, manco il post sui gatti ... no, guarda, meglio non dire nulla... mi bastono da sola!!! Manco il buon esempio!

      Elimina
    4. FAtto! Costa poco... ciaoooo

      Elimina