venerdì 26 maggio 2017

Contest: Ferruccio Gianola ci domanda


Con questo POST Ferruccio Gianola nel suo BLOG ci pone una nuova domanda.
 
Ferruccio dice che essendo i suoi lettori nati quasi tutti se non tutti nel ventesimo secolo lo possono ricordare bene e quindi chiede loro cosa manca di quel periodo.
Cosa manca di un secolo appena alle spalle e quindi ancora a portata di memoria, che in tutto il mondo tanto ha dato di bello e brutto e tanto ha tolto a tutti quanti.

Io nel post ho subito commentato che mi manca mio papà che nel ventesimo secolo è arrivato al mondo e se ne è andato troppo presto.
Parlo di un uomo che mi ha dato tanto in tutti i sensi. Non solo la vita ma amore affetto insegnamenti… pazienza perchè io non sono stata un’adolescente semplice. Affatto! Ero ribelle e prepotente (a  parole) ma lui sapeva come prendermi anche se poi ridendo diceva che se io fossi stata un militare avrei trascorso tutta la mia carriera in cella di rigore ahhahaha

Mi mancano quelle mani grandi e sempre tagliate, incerottate col nastro isolate che tiene di più del cerotto , quegli occhi verdi, quel sorriso dolce che non scompariva mai. 
Mi manca vederlo lavorare con le mani, lui, il compensato e il suo traforo. Il salvadanaio che ora ha la figlia, le corone del rosario di quelle grandi che si appendevano sul letto una volta… mi manca vederlo partire con la cacciatora e le canne da pesca e tornare con il cesto sempre pieno anche se poi non ne mangiava uno di quei pesci.
Mi manca e basta! Nonostante i trentun anni passati... ma era così giovane! Più giovane di me adesso.

Oltre a lui mi manca un bambino mai diventato ragazzo né uomo… lasciamo perdere! Manca eccome ma…

Al secondo posto mi manca la gioventù. Non perché io sia invecchiata ma mi manca lo spirito della gioventù. I sogni di quell’età, le speranze, la voglia di fare. Mi manca l’ardore e la forza che una volta c’erano e ora, soprattutto la forza, latitano.

Mi mancano anche gli errori che feci all’epoca anche se potendo tornare indietro col senno di ora non li ripeterei perché manderei al diavolo ancora più persone. Perchè farei di testa mia senza più lasciarmi comandare. 
 
Ok, non commetterei più quelli ma altri nuovi. Giusto! Ma la vita è anche fatta di errori, di sbagli, di cadute e scivoloni. Purchè non siano troppo gravi e ci si possa sempre rialzare, insegnano e servono. Sono utili nonostante tutto.


 Altro direi che non mi manca. Ieri è andato, l’oggi c’è e per il domani… mi sto organizzando:)
Ciaoooo Patricia

Questi sono i cuori di cui parlavo. Due sono già levigati gli altri solo tagliati e ancora da lavorare.
Li ho in un cassetto e guai a chi me li tocca!

18 commenti:

  1. Ti mancano cose vicine, carine,... quelle che sono veramente importanti.

    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlos, credo che e cose più importanti non sia quelle materiali anche se sono utili a volte necessarie per vivere.
      Le persone che hai amato... loro sì che contano!
      Bacio!

      Elimina
  2. Grazie Pat! Mi manca tutto e niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego Ferruccio!
      Tutto e niente.... forse perchè tante cose non sono reputate strettamente necessarie. O forse lo sono solo a tratti. O no?

      Elimina
  3. Come dicevo a Ferruccio non mi manca nulla, si va avanti.
    Un abbraccio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avanti sempre perchè fermarsi è un "delitto" :)
      Per quanto possbile lasciare libero Ieri di andare, vivere Oggi e sperare in Domani.
      Ciaoooo

      Elimina
  4. Cara Patrizia, sono passato solo, per dirti che l'adunata a Treviso è stata grandiosa come sempre ogni nuova adunata è sempre spettacolare.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio contenta stella ma non avevo dubbi.
      In questi giorni ho guardato Asti con malinconia. Lo scorso anno eravate andati via da poco e la città ancora viveva di adunata.
      Bacione!

      Elimina
  5. Difficile domanda. Gli anni novanta erano giè un inizio di declino verso gli anni che viviamo oggi Forse mi manca una maggiore spensieratezza ma credo di essere in una fase in cui quella la sto recuperando. Altro non saprei, non così al momento rispondendo di getto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho pochi anni più di te e sinceramente di oggetti materiali non ricordo granchè.
      Presi la patente, iniziai a lavorare, mi sposai, naque la figlia.. poi nel mezzo tante cose talmente brutte che preferisco guardare avanti.
      Quanto alla gioventù... gli anni sessanta incominciano ad essere lontani :)

      Elimina
  6. A me non manca niente. Mi sto portando accuratamente dietro tutti gli odori, i rumori, le facce, le gioie, i dolori, le impressioni, le delusioni, le vittorie, le sconfitte, le cose pensate e mai dette, le cose dette senza pensare, le cavolate fatte, le sbornie gigantesche del mio periodo universitario, le ragazze con cui mi sono ingolfato, quelle che ho amato, quelle che amavano me e che io non ho proprio voluto, quelle che non mi hanno voluto loro, le fregature prese, le fregature date, le belle macchine della mia gioventù soprattutto la reginetta della strada la fatidica 1900 Alfa Romeo, quella della polizia truccata come le mia, i 10 in italiano, favoloso quello alla maturità, i 4 in matematica, lo 0 (zero) in scienze al secondo liceo classico, la risposta che diedi alla prof di scienze e cioè una sonora pernacchia, i dieci giorni di sospensione con obbligo di frequenza e relativo sette in condotta, insomma hai capito che quelle pagine della mia adolescenza mi stanno ancora tutte sotto la pelle.
    No, non mi manca proprio niente. In questo senso il tempo non è passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahhahaahhaahhaah ma allora sei nato birichino ahahahahahah
      No, credo proprio che non ti manchi nulla. Hai tutto dentro il cuore!

      Elimina
  7. Boh, sinceramente non sento la mancanza di nulla: il tempo è pura illusione!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perchè tu sei così giovane rispetto a noi. Anche se se nata nel secolo scorso lo hai vissuto molto meno di noi. Voi giovani poi siete decisamente più proiettati al futuro d quello che possiamo essere noi... diversamente fanciulli ahahhaha
      Il tempo è anche illusione ma non solo. E' anche padrone e schiavista o vagabondo quando vuole
      Ciaoooo

      Elimina
  8. A me non manca niente del secolo passato, forse perché oggi sono tre volte più felice e appagata di quanto non lo fossi a venti anni o a trenta. Forse mi mancano i miei quarant'anni perché mi sembra di aver cominciato a vivere veramente allo scoccare di quell'età. Meglio tardi che mai, ehehe...
    Belli i cuori di legno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto sommato la penso anch'io così.
      Le mie mancanze sono più di tipo sentimentale che fisiche. Il vuoto che lasciano le persone care quando muoiono nknverrà mai colmato. L'assenza peserà sempre.
      Quanto alla gioventù, anch'io ho iniziato a viverla più tardi. Forse son più giovane ora con quasi 56 che a 18. Vedo la vita diversamente. Che sia quello il segreto?

      Pensa che una volta levigati e bucati per il lungo li verniciava, metteva la catenina verniciata tipo oro, il crocefisso e poi faceva quelle corone del rosario grandi che si appendevano sul letto. Noi non ne abbiamo una perchè le regalava. Mi sono rimasti solo quei pochi cuori

      Elimina
  9. Io ho diciassette anni, se dico che non mi manca nulla qualcuno di voi ex giovani se la prende?
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu non fai testo perchè nel secolo scorso non c'eri ancora 😊😊😊😊. Ma no! Nessuno se la prende. Magari ti invidiamo solo un pochino perchè noi li abbiamo passati da tempo 😂😂😂😂😂
      Ciao stellina

      Elimina