domenica 4 giugno 2017

La poesia del weekend del 3/4 giugno


Per la Community L'ARTEDELLAPOESIA e per LA POESIA DEL WEEKEND del 3 e 4 giugno la parola scelta è

                                                                  MARE

Rinfrescami l’anima,
schiumosa onda
di acqua e sale.

Dalle sollievo
dopo ardente giornata
tra improperi e dolori
e nefasti incontri.

Lava via
grami pensieri
e fa che la notte marina
ridesti bei sogni.
Myrtilla

13 commenti:

  1. Cara Patrizia, con questi bellissimi versi ai creato una bella poesia.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Veramente tonificante quest' onda di acqua e sale.
    Non sono mai riuscita a scrivere versi decenti e invidio -bonariamente- questa grande capacità che hai.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tonifica rinfresca e brucia sulle ferite.. però, io dico sempre che se sentiamo questo dolore, questo bruciore è perchè siamo vivi.
      Bacio e buona domenica
      Grazie infinite

      Elimina
  3. Bellissima visione!
    Il mare che porta via tutte le brutture è un'immagine forte.
    Uniamo questa poesia con la canzone "Il mare d'inverno" di Ruggeri, che ne pensi?
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca!
      Direi di s ìper la canzone :)
      Ciaoooo

      Elimina
  4. Per te, come al solito



    Mare.
    Non lo avevo mai visto;
    pensare che mi avevano detto
    che fosse blu.

    È nero, nerissimo questa notte
    come il colore della
    mia pelle.

    Il gommone che mi reggeva a galla
    è affondato da qualche parte
    e in questo mare io non mi ero
    mai mosso prima.

    Invento tutto e per un po'
    galleggio, ma devo muovermi
    e subito affondo.

    Non si riesce a respirare
    qua dentro
    e io adesso incomincio
    a galleggiare dentro questo
    mare,

    sopra e sotto
    e tanti come me.

    Io adesso mi sento mare,
    io sono mare
    ed è meraviglioso
    lasciarsi andare verso il fondo
    senza soffrire, senza
    pensare
    solo guardare
    il mio fondale
    del mio mare
    che accoglie me
    come un fratello.


    Cotta e mangiata, ispiratami dai tuoi versi molto ma molto belli.
    Ciao Pat.

    PS: come vedi non so solamente incazzarmi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo... è stupenda questa! Piena di dolore eppure anche di serenità. Di pace. Quella pace raggiunta tra le mani di un amico.

      Grazie infinite!

      ps ma io lo sapevo ahhahahaha

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Arrivo in ritardo ma ti posto una mia poesia che avevo già scritto su questo tema…. Anzi ti rimando qui http://agoradelrockpoeta.blogspot.it/2010/09/langolo-del-rockpoeta-altra-piattaforma.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRazie, Daniele! VEngo subito a leggere!

      Elimina