giovedì 15 giugno 2017

Storie di gatti, racconti a quattro zampe







Oggi vi parlo di un libro diverso. Non perché sia scritto in tedesco o in ungherese anche se è scritto in un linguaggio particolare. Quello del cuore!
Un linguaggio universale in teoria ma in pratica ostico per troppi.

Bene! C’è qualcuno che è riuscito a comprenderlo e parlarlo. Addirittura a scriverlo.
Si tratta di un gruppo di Persone che ha messo il suo tempo libero a disposizione degli altri.
Scrivendo? Certo! Scrivendo storie con i gatti come protagonisti ma questi gatti non sono come li vediamo noi abitualmente. Sono umanizzati. Dotati di quel senso di empatia e solidarietà e amore che spesso noi umani dovremmo reimparare.
Sono racconti che parlano di terremoto, di vittime, dolore, lacrime e solitudine e violenza ma anche di solidarietà, mutuo aiuto, soccorsi, amore.
Ecco!
Una parte di queste lacrime sono asciugate da questi gatti.
Una parte di questa solidarietà viene da loro.

I racconti sono commoventi, dolorosi. Par quasi di sentire la terra tremare e il boato dei crolli. Sono però anche pieni di amore e speranza. Di solitudine che se ne va perché un amico peloso resta vicino nel momento del bisogno o si allontana solo per chiedere aiuto.
Ogni autore, se non sbaglio per la maggior parte non professionista, ha scritto un racconto diverso. Ognuno col suo stile e la sua esperienza. Tutti quanti però hanno scritto con rispetto verso coloro che sono stati provati dal terremoto. Con forza e dolcezza e con un filo di speranza che si intravede all’orizzonte. Speranza che si tramuta in un invito a darsi una mano reciprocamente, a mettere da parte egoismi e diatribe perché nella disgrazia si è tutti uguali.
Come recitava una canzone di qualche anno fa “Si può dare di più senza essere eroi”.
Basta fare quello che si è capaci ma farlo mettendoci tutto l’impegno e il buon cuore possibile. Senza pietà e senza pensare al successo personale. Questi autori ci sono riusciti in pieno! Grandiosi!!!!!

Quale racconto mi è piaciuto maggiormente?
Sinceramente non ve lo posso dire. Sono tutti eccezionali, ben scritti, profondi.
E poi sono tutti scritti col cuore perché

 
              
           L'AMORE NON CROLLA




 Vi invito quindi a leggere questi racconti 





disponibile sia in ebook che in cartaceo e che nasce dalla passione e
dall’impegno di Anna D'Alessio, Anna Maria Fabbri, Anna Lelli Mami, Barbara
Businaro, Corinna Campanella, Daniele Imperi, Daniele Savi, Deborah Leonardi,
Elisa Riddo, Emma Frignani, Gaspare Burgio, Giulia Mancini, Giuseppe De Micheli,
Gloria Maria Magnolo, Licia Luisetto, Lucia Cabello, Marco Stabile, Maria Beatrice
Venanzi, Paolo Forte, Sandra Buttafava, Sara Gavioli, Serena Bianca De Matteis,
Silvia Algerino, Stefania Lai, Tiziana Balestro, Velma J.Starling.
pubblicato da Amazon

Seguito del libro BUCK E IL TERREMOTO  sempre edito da Amazon con il patrocinio dei comuni di Amatrice e Accumoli e il cui ricavato verrà devoluto alla CRI per i terremotati del 2016.

Myrtilla

27 commenti:

  1. Bella iniziativa, peccato si realizzi solo per queste occasioni. Ogni giorno ci sono bambini in ospedale, gente che muore di fame, persone senza un tetto sopra la testa.
    Libri "no profit" per loro non li scrivono, e poi magari questi stessi autori se la prendono con chi scrittore lo è di professione.
    Va beh, il mondo è bello perché è "svarione"!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca, su una cosa hai ragione. Sono milioni e milioni i bambini che muoiono di fame o di malattie curabili in altre parti del mondo... sono troppi coloro che non hanno un tetto sulla testa o che vivono ai margini della società...
      Però... eccolo qui il però.
      Però non è che tutti quanti possano pensare ai restanti "tutti quanti".
      C'è chi pensa ai terremotati, chi ai cani, che agli homeless chi ai malati terminali.
      Ognuno pensa a qualcosa e qualcuno di particolare. Se gli aiuti fossero rivolti tutti alla stessa "categoria" si finirebbe di dimenticarne troppi.

      Per la vena polemica che mi pare di leggere tra le tue righe invece ti dico che proprio perchè non sono professionisti ma dilettanti (come mi pare di aver capito è la maggior parte degli autori in questo caso) bisogna rendere loro ancora più merito. Hanno osato mettersi in gioco, ognuno con le proprie capacità e fantasia dedicando il loro tempo ad un'azione che non porta guadagno finanziario nelle loro tasche.

      Il mondo sarà anche svarione come dici tu, però quando ci si presta col cuore mettendoci la faccia... tanto di cappello!
      Un bacione

      Elimina
    2. Potrei lasciar perdere ma non è nella mia indole.
      Sono un'autrice professionista, ho pubblicato 5 romanzi, 2 racconti lunghi, 1 manuale (tutti con editori) e non capisco quando dici "poi magari questi stessi autori se la prendono con chi scrittore lo è di professione." Cosa c'entra? Noi abbiamo fatto questo, altri hanno - perché di iniziative ce ne sono - scritto per i bimbi in ospedale e altre lodevoli iniziative. Ci abbiamo messo tempo, risorse personali, grande impegno. Non capisco davvero la tua polemica gratuita.

      Elimina
  2. Grazie Patricia sei mitica.
    Trema la terra, crollano montagne, ma l'amore non deve crollare mai. Con questi due libri si può unire l'utile al dilettevole ma è più corretto dire unire la lettura alla solidarietà... se poi la lettura è gradita, il branco di animali e umani si sentirà vanitosamente appagato anche nell'orgoglio. Il branco però è consapevole che è l'unine che fa la forza, ed è in cerca di lettori solidali, per diventare più forti e numerosi nel donare a chi ne ha bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono.... unica! E menomale ti risponderebbero i miei ahahhahahahah
      No,l'amore per gli altri non deve mai crollare. Bisogna averlo e dimostrarlo coi fatti. A parole ci pensano già certi potenti che all'Aquila davanti alle teleamere avevano promesso promesso ma poi... ops!!!! Vuoto di memoria.... grrrrr
      Bacio e ancora complimenti a tutti.

      Elimina
  3. Libro importante per l'originalità con cui parla dei felini, per le storie gravi e drammatiche che racconta e per la finalità con cui è stato realizzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Daniele.
      E' per quello che ne ho partlato molto volentieri. Oltre ad averlo letto, ovviamente.
      E' un segno che di persone disponibili ad aiutare gli altri ancora ci sono. Disponibili anche a mettersi in gioco pur non essendo scrittori noti.

      Elimina
  4. Cara Patrizia, sicuramente questo libro deve essere molto interessante, storie di gatti, credo che ogni storia racconti il grande affetto chi gatti anno con il loro padrone!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella, sì è vero. In più, tutti gli autori si sono prestati gratuitamente per raccogliere fondi da donare alla Croe Rossa.
      Azione notevole e che merita pubblicità.
      Bacio!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Indipendentemente dal fatto di aver letto con piacere il libro, mi sembra doveroso fare pubblicità a iniziative del genere che purtroppo passano troppo spesso inosservate.
      La solidarietà non è solo quella pubblicita in tivù (e spesso non mantenuta). C'è anche quella più vera messa in atto da persone comuni come possiamo essere noi.
      Bacio!

      Elimina
    2. Io l'ho letto grazie alla Anna Maria Fabbri e ne sono rimasto contento. L'iniziativa è senz'altro lodevole.
      Patriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii hahahahaha mou belin

      Elimina
    3. Iniziativa molto lodevole!
      Cerea Max

      Elimina
  6. Grazie Patricia.
    Hai ragione,lo abbiamo scritto col cuore per non dimenticarci e continuare ad aiutare chi ne ha bisogno. Grazie nuovamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana. Si sente leggendolo.
      Come dice Massimiliano sopra, iniziativa lodevole.
      Ognuno aiuta come vuole e può. Questo è un bel metodo. Iosono anche contenta di aver letto il libro. Mi ha regalato emozioni forti.
      Complimenti a tutti e buona serata

      Elimina
  7. che bello Pat sicuro appena riesco ... leggasi ricarico carta e ci impiego una cifra ahahahah .... lo acquisto con piacere per la nostra amica in comune in primis e per la degna finalità e che se ne dica di gesti così grandi ce ne sono tanti ... il fatto forse che non tutti arrivano a buon fine purtroppo, per l'ingordigia umana di certe brutte persone....e tu sempre di un cuore grande come una casa
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto Giusi. Non ho fatto molto di più.
      L'ingordigia fa parte dell'animo umano purtroppo. C'è chi la vince e chi no.
      Bacio

      Elimina
  8. Grazie per averne parlato e pure così bene!
    Sandra Faè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, Sandra.
      Il fatto è che in mezzo a tutto il resto, i racconti mi sono piaciuti davvero!
      Ancora complimenti a voi!

      Elimina
  9. Soprattutto è bello che tante persone abbiano impiegato idee e fantasia per un progetto così lodevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Marina!
      E' un segno che il buon cuore ancora esiste. Che anora esiste la voglia di pensare anche agli altri in qualche maniera.
      Ed è la seconda volta! Magari nemmeno l'ultima!

      Elimina
  10. Ancora un grazie a Patricia per la sua recensione positiva e per chi commentando reputa l'iniziativa meritevole. Vero è che si può fare di più, ma con piccoli passi da formica, pazienza e impegno, si possono scalare montagne. Per chi vuole verificare i versamenti di ogni mese può leggerli nel sito www.buckeilterremoto.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, Anna Maria! Il piacere è stato mio prima di tutto leggerlo e poi parlarne.
      Anche perchè bisogna spargere la voce, giusto?
      Il link forse non era nemmeno necessario. Personalmente mi fido. Comunque hai fatto bene a metterlo :)
      Bacio

      Elimina
  11. bella iniziativa, credo che i nostri amici pelosi siano felici di dare una mano a tanti che hanno bisogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella davvero Flo.
      Ci hanno messo il cuore tutti quanti

      Elimina
  12. Veramente una bella iniziativa. Mi sono segnata i titoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente Robby e il fine è importante

      Elimina