sabato 17 giugno 2017

VINCENZO IACOPONI e DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®


RICORDO CHE LE POESIE PUBBLICATE SOTTO QUESTA ETICHETTA SONO DI ESCLUSIVA PROPRIETÀ DEGLI AUTORI. 
IO LE POSTO DIETRO LORO AUTORIZZAZIONE.
L'USO NE È VIETATO SENZA IL LORO BENEPLACITO.


Nei Commenti a questo mio  POST  l'amico VINCENZO IACOPONIha aggiunto una poesia davvero notevole. 
Arriva dal profondo del cuore, dell’anima, dalle viscere.
E’ bella e straziante perché troppo reale


Mare.
Non lo avevo mai visto;
pensare che mi avevano detto
che fosse blu.

È nero, nerissimo questa notte
come il colore della
mia pelle.

Il gommone che mi reggeva a galla
è affondato da qualche parte
e in questo mare io non mi ero
mai mosso prima.

Invento tutto e per un po'
galleggio, ma devo muovermi
e subito affondo.

Non si riesce a respirare
qua dentro
e io adesso incomincio
a galleggiare dentro questo
mare,

sopra e sotto
e tanti come me.

Io adesso mi sento mare,
io sono mare
ed è meraviglioso
lasciarsi andare verso il fondo
senza soffrire, senza
pensare
solo guardare
il mio fondale
del mio mare
che accoglie me
come un fratello. 

Vincenzo Iacoponi Malavisi


Dal mio POST ecco un altro suo  intervento
La poesia di un  uomo che gode di ogni momento, che non se lo lascia sfuggire. Che non vuole assolutamente perderne nemmeno un briciolo.


Pronto a cogliere
il giorno come viene,
sereno o torvo,
e a nascodermi perché
nessuno
provi a portarmelo via.

Pronto a cogliere
la parola che sfugge
al vinto,
al traditore,
al rifiutato dal destino,
all'imbelle,
al sofferente rejetto,
al bestemmiatore consumato
dall'odio
e a custodirla
nella mia profonda
anima cupa
onde cavarne peggiori,
più incisive,
più crudeli,
più dissacranti parole
una volta covate
dentro
il mio odio represso
per questa Umanità
decaduta
e improvvida.

Pronto a cogliere
il movimento subdolo
dell'occhio
di chi non mi ama,
né mai mi ha amato
ma sempre
a tutti ha mostrato
ammirazione profonda
per me e quel che faccio
e quel che scrivo,
a quel che vivo.

Pronto a cogliere
l'attimo che precede
immediato
la mia fine
per poter ancora in tempo,
ancora una voltal
l'ultima,
dirti tutto l'amore
che ho avuto per te.
Vincenzo Iacoponi Malavisi


In un commento allo stesso post anche questa poesia che sa di rabbia e ribellione, autore DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®
il nostro menestrello che sa parlare del mondo così come è senza fronzoli  o menzogne.



"FONDALE"

Siamo in tanti
Oscillazioni continue
Onde minacciose
Vane illusioni di speranza.

Pronti a cogliere
Solo il fondo del mare.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®




Poi, di nuovo Vincenzo Iacoponi che nei commenti a questo POST si dimostra come sempre Grande!


Inverosimili,
tempestivi e non,
si rincorrono
fagocitandosi l'un con l'altro,
sempre al mattino,
sempre poco prima che io
mi costringa a svegliarmi,
sempre lasciandomi
l'amaro del dubbio in bocca,
se quella figura di donna
che si stagliava sul fondo
obliquo del mio ultimo
sogno fosse
la stessa che ieri
sembrava offrirsi
e poi è scappata.
Come vederti
dietro un vetro bagnato,
perché sei tu quella,
non può essere un'altra.
Perché profumi come allora
e ti sottrai come allora.

So che non riuscirò
ad afferrarti mai,
ma tu torna lo stesso,
io resto qui.

Vincenzo Iacoponi Malavisi

8 commenti:

  1. Entrambi bravi!
    Auguro a tutti una serena giornata.

    RispondiElimina
  2. Cara Patrizia, il tuo blog con l'evento che ai sviluppato piace sempre di più.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria il blog dovrebbe essere interazione.
      Cosa c'è di meglio che partecipare così?
      Bacio!

      Elimina
  3. Quando meno te lo aspetti arriva Myrtilla a farti arrossire un po'. Una cosa che mi capitava raramente quando ero bambino, un sensazione che adesso ha tutto un altro sapore sulle mia labbra.
    Sí Pat, tu hai la capacità di riportarmi indietro al mio stadio di vita dove la sincerità e la meraviglia erano padroni. Mi è rimasta integra la prima, grazie a Dio, ma nulla riesce più a meravigliarmi. Ci sei riuscita tu e di questo ti sono grato, come dell'avermi accumunato a Daniele, poeta vero rock o non rock, ma i suoi versi incidono sempre profondamente.
    Pat, ti tengo nel mirino...così ti vedo meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahahh e io mi nascondo!!!! aahahahahahahah
      E' un piacere per me avere due lettori che partecipano così.
      E non con scemate. Tutt'altro!
      Sempre versi di uno spessore notevole. Che colpiscono e a volte affondano.


      Elimina
  4. Risposte
    1. L'onore è mio e quando sei stufo me lo dici :)

      Elimina