martedì 8 agosto 2017

Cara amica

Cara amica,
da quanto tempo non ci incontriamo più? Tanto, vero?
Ed è pure strano perchè in teoria siamo un'unica entità. Tu ed io unite dalla nascita alla morte. Inseparabili come gemelle siamesi.
Almeno così dovrebbe essere però in questo ultimo periodo ci siamo dimenticate una dell'altra. Tu vai per la tua strada ed io per la mia.
E che strada, amica cara! In salita, tornanti, dirupi vertiginosi e tu sai che io ho paura e soffro quel senso di vuoto che mi si apre sotto lo sguardo.
Ma lasciamo stare e speriamo in tempi più tranquilli. Tempi in cui potremo di nuovo incontrarci e chiacchierare, impiastricciarci la faccia con quelle belle maschere colorate e profumate che entrambe amiamo, fumarsi una sigaretta in pace o sedersi per terra ad accarezzare Pippi.
Ora come ora, pensa alla madre, alla suocera, al marito, la casa, la spesa, la figlia che la prossima settimana parte per Creta.... La figlia... ecco! Non ho nemmeno ancora avuto il tempo di rendermi conto con chiarezza che  si è trasferita in città. Pensa che mi hanno chiesto come ho affrontato la situazione e quando ho risposto che non ho avuto tempo a pensarci mi hanno guardata come se fossi una madre degenere o egoista o che ne so!
Beh... se vogliono prendere il mio posto per una settimana soltanto magari io mi riposerei anche. Però chissà perchè nessuno accetta un simile cambio. Mica scemi!
Chi ha corso in ospedale giovedì scorso? Chi ci sta oggi  tutto il giorno dietro a mammà? Chi la sopporta quando ogni tre per due sbuffa e chiede ma quando mi faranno passare?  Ma quando mi mandano a casa?  Come se in sala operatoria ci dovesse entrare solo lei.
E mentre son qui, penso a casa. Ho preparato la pasta ieri sera a cena. Ne  ho fatta di più così oggi il mio dolce... doppio deve solo farsela scaldare.
E gli esami del sangue che ha fatto stamattina? Quando gli daranno gli esiti? Speriamo che vadano bene!
E i tuoi, mi chiedi tu? Oh, prima o poi li farò. Lo so che lo scorso anno ho rimandato e quest'anno  non mi sono ancora decisa però.... non ne ho voglia. Tanto secolo più secolo meno non sono così urgenti.
Più che altro ho bisogno di riposare la mente e il corpo. Dormire e imparare a fregarmene. Tornare a dedicarmi al mio blog e a quelli degli amici blogger. Interagire con loro, leggere.... Ecco!L'unica cosa che riesco ancora a fare è leggere. La sera e la notte quando il sonno non arriva, i libri mi sono di aiuto. E pazienza se i miei lettori si stuferanno di sentirmi parlare di libri. In questo momento non riesco a fare altro. Tutto mi sta diventando difficile e pesante.
Pure far dimagrire la Papayetta che è diventata porcellina nonostante la dieta stretta. Lei è a dieta e qualche grammo l'ho perso io ahhahahahahha
Va bene così! Rientro nei vestiti che non indossavo più.
Per fortuna marito ed io ci sosteniamo a vicenda ma siamo stanchi  entrambi. Lui lavora ancora, i viaggi di tutti i giorni per andare al lavoro, le nonne che ci stressano... spero che non abbia ragione lui a dire che quando saremo soli senza più le due nonne saremo noi soltanto più buoni da ospizio! Magari goderci  un  o' la vecchiaia non sarebbe malaccio!

Senti... facciamo una cosa. Ho cinque minuti liberi mentre aspetto che la nonna esca dalla sala operatoria. Ci vieni al bar con me per un caffè? Offro io, daiii.
Poi, quando avremo più tempo.... oh, se ne avremo da raccontarci.
Un bacione e a tempi migliori.
Patri


24 commenti:

  1. Ti mando un grandissimo abbraccio, di più non so fare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Glò!
      Diciamo che il più ora è fatto. Ci saranno due visite per mediazioni ma quelle faranno perdere un paio di ore ciascuna.
      Bacio!

      Elimina
  2. I pensieri,... cinque minutini al giorno per metterli in ordine.

    Buona giornata,
    podi-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SErvirebbero sì, Carlos!
      O servirebbe ancora di più un bel sacchetto per l'indifferenziata per buttarli in discarica??????
      Bacio e buona giornata a te

      Elimina
  3. Il tempo per noi stesse, questo ci manca. Perchè c'è sempre qualcosa o qualcuno che mettiamo come priorità a noi stesse...eppure ci basterebbe poco, un caffè due chiacchiere con una amica. A me manca più di tutto il tempo per leggere, per pensare no quello è meglio bypassarlo per ora e per scrivere: mi è sfuggito il tempo per l'insieme raccontiamo pure questo giro...
    un abbraccio amica cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Azzurrocielo, hai detto bene! Diamo sempre la priorità a qualcun/qualcosa d'altro. Noi siamo sempre in fondo all'elenco.
      Se ci rendessimo conto una buna volta che anche noi siamo importanti, che anche noi abbiamo diritto a darci retta, parlarci, respirare con calma??????
      Non andrebbe alla fine il mondo!
      Bacio stella

      Elimina
  4. Ragionamento sacrosanto Pat: almeno dieci minuti al giorno bisogna concederli solo a se stessi, anche se il resto del mondo stesse andando a fuoco (e comunque il resto del mondo è andato avanti migliaia di anni senza di noi, non penso che per dieci minuti in cui "stacchiamo" vada in crisi ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Il mondo è "vissuto" prima di noi e lo farà ancora dopo.
      Allora.... perchè siamo così scemi????????
      Domanda difficile, lo so! La risposta? Se la trovi, per favore condividila :) :)

      Elimina
  5. Trovalo quel tempo, è indispensabile. Ri-bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' indispensabile ed è un piccolo elisir per riequilibrare le forze.
      Dove lo vendono????
      BAcio!

      Elimina
  6. Buona giornata, nonostante tutto, di cuore.
    Un abbraccio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa!
      Adesso è andata. Ci saranno le visite, una domani mattina e una il 21; nel mezzo quelle del marito ma intanto spero di riuscire a prendermela con un po' più di calma.
      Bacio!

      Elimina
  7. A tempi migliori Pat...... e spero che magari potremo anche incontrarci di nuovo con calma e chiacchierare fino a stordirci, è stato così bello per quel poco che ci siamo incontrate
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. La cosa migliore è prefiggersi di osservare ogni giorno la massima zen di stare almeno venti minuti senza fare assolutamente niente. Se però non se ne ha il tempo, continua la massima, allora bisogna starci almeno un'ora ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahaahhahahah chiedo anche a te doe vendono il tempo per far niente. :) :)
      La mia mezz'ora zen (quando non mi addormento con il libro in mano) è alla sera, a letto a leggere.

      Elimina
  9. Cara Patrizia, che racconto ci ai fatto oggi quasi sembra reale, e non fantasia.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è realtà tesoro. Parlavo della mia mamma che ieri ha avuto un piccolo intervento.
      Comunque è andata, daiii.
      BAcio!

      Elimina
  10. Dobbiamo ritagliarci almeno una mezz'oretta al giorno tutta per noi. Si chiama sano egoismo ed è indispensabile se si vuole andare avanti. Quando poi si diventa caregiver lo diventa ancora di più. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bisognerebbe farlo.
      Ricalibrare le forze, distendere la mente, rilassarsi un momento...
      Vedremo!
      Bacio!

      Elimina
  11. Come ti capisco cara Patty!
    Ogni giorno però, mi prendo quei 10/15 minuti e col mio cane, tra un gioco e l'altro, me lo stringo al cuore.
    Un abbraccio.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cris, quello anch'io. SEra e mattina qualche minuto a coccolare e farmi coccolare da Papaya non me li toglie nessuno, o quasi :)
      Bacio!

      Elimina
  12. Ti abbraccio forte Pat.
    Arriveranno tempi migliori.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì! Arriveranno senz'altro. Peccato però che invece del jet abbiano deciso di arrivare a piedi 😉😊😊
      Bacio!

      Elimina