domenica 20 agosto 2017

INSIEME RACCONTIAMO 24


    INSIEME RACCONTIAMO 24



#insiemeraccontiamo
#racconti
#fareblogging



Fanciulli carissimi, con questa puntata concludiamo il secondo anno consecutivo di 


      INSIEME RACCONTIAMO.


Un traguardo che non avrei mai immaginato di raggiungere ma che abbiamo tagliato insieme, uno a fianco all’altro, sorridendo, emozionandoci, prendendoci bonariamente in giro.

La soddisfazione che io provo è incredibile ma penso.. spero che anche per voi sia grande.

Siamo una squadra favolosa! 

A volte si aggiungono nuovi partecipanti, a volte qualcuno di quelli “vecchi” si allontana per un po’ però è un gioco. Divertimento. E voi sapete benissimo che non esiste una regola che prescriva la presenza costante.
Indubbiamente quella è sempre per accolta da tutti ma essendo appunto un gioco c’è massima libertà.

Così, come c’è massima libertà questo mese.

Si parte il 20 agosto e si termina.. diciamo il 10 settembre.
Quanto al numero di parole e battute, come lo scorso anno, vengono sospese.
Scrivete quanto volete. 
Oddio!!!! Ivano e Marina Guarneri… magari non copiate il vostro amato Proust… 2/3 mila pagine mi paiono un po’ troppe ahahhahaahhaah dovrei occupare anche i vostri blog per farcele stare! :) :)

Ma partiamo con il mio incipit.
Scusate se stavolta vi sembrerà strano o un po’ banale ma se la testa è qui di fronte al pc a guardare ciò che le mani scrivono, la mente è in.. altre faccende affaccendata. :)
D'altronde avrete anche notato che ultimamente sono presente a fasi alterne. E anche sui vostri blog sono stata poco presente.
E se voi avete fatto salti di gioia e stappato Moet et Chandon alla faccia mia Sob sob sob! Incominciate a tremare perchè prima o poi tornerò!!!!!! ahahahahahahhaahhaahah
Della serie Tremate tremate, le Patricie son tornate ahahhahahahahah

Ma diamo il via alle danze!


Il mio incipit

Ci son strade che portano ovunque
Ci sono incroci che portan lontano
Ma quando vedrai
un cervo che scappa
un serpente che attacca
e di un uomo le gambe soltanto
saprai che sotto al varco dovrai passare
e il pericolo andare ad incontrare.”

Ok! Poteva andare bene e incominciò a spedire gli inviti.


E la mia foto


Buon lavoro a tutti!!!!!
Patricia

45 commenti:

  1. Complimenti Patricia per il tuo "insieme raccontiamo" e buon lavoro a tutti.
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris a nome di tutti!
      Buona domenica!

      Elimina
  2. Alice era riuscita a decifrare il messaggio:
    l'incrocio era quello tra lo Sparkwood e Sycomore Street. L'unico da cui si usciva dalla città, l'unico che portava lontano.
    Il cervo era il simbolo dell'Elk's Club #9, e di fronte campeggiava l'insegna del negozio di sigarette elettroniche: un cobra pronto a colpire.
    L'orario era giusto: le serrande degli esercizi commerciali iniziavano ad abbassarsi. Anche quella della boutique della signora Jannings. Al manichino maschile, adesso, si vedevano solo le gambe.
    Alice capì che era l'ora. Entrò nella pizzeria The Gap e trovò il mostro a guardia della porta. Con un tiro di dadi e mostrando di avere l'incantesimo Oblio Notturno +15, poté passare oltre.
    La festa per il raduno dei giocatori stava iniziando.

    P.s. Pat, complimenti per l'idea e per averci fatto giocare due anni di fila :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speedy Gonzales Moz! 😅
      Bel finale!!

      Elimina
    2. Tranne a letto, sono sempre veloce XD

      Moz-

      Elimina
    3. Non vale! Moz è un esperto di cacce al tesoro... troppo facile per lui ;-D

      Elimina
    4. A Miki che mi ami lo so, 😆😆😆 ma non pensarmi sempre. Dormi ogni tanto 😊😊😊😊 no no! Pensaaaaami, tanto tanto intensamente...

      A Marina, il premio velocità è suo 😅😅😅

      A Ivano,dici che l'ho scritto per lui????? 😊

      Elimina
    5. La sto organizzando proprio in questi giorni :)

      Moz-

      Elimina
  3. Wow! Senza limiti di parole, ma sei sicura? 😅
    Me la prendo con calma e lascio che l'ispirazione maturi, sono un po'stanca.
    Complimenti (a te e a noi) per i due anni di iniziativa 😉
    Un abbraccio!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È agosto, tempo di ferie,fa caldo.... regola unica: niente rrgole!
      Grazie ma se non ci foste voi....

      Elimina
  4. Rimase sbigottito, solo per un attimo, poi intuì, non poteva che essere lui, quel burlone di compagno che aveva la mania dei rebus. Ma questa volta l' avrebbe ripagato con la stessa moneta. Si mise al tavolo, con un foglio bianco davanti e la biro in mano, ma il rebus non gli veniva proprio, poi un lampo gli traversò la mente e incominciò a scrivere febbrilmente e in quattro e quattr'otto ecco un rebus confezionato a puntino. Ripiegò il foglio in quattro, lo infilò nella busta e glielo spedì. Chissà se avrebbe capito chi glielo mandava? Per scoprirlo avrebbe dovuto risolvere il rebus e questo, ne era sicuro, lo avrebbe mandato del tutto fuori pista. Sorrise immaginando la figuraccia che avrebbe fatto. Una volta tanto era lui a divertirsi.

    sinforosa
    P.s. Complimenti per questa originale iniziativa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi la fx l'aspetti eh... 😉😄😄😄
      Grazie anche a te ma ripeto, se non ci foste voi.... 😚

      Elimina
  5. IL MIO FINALE:

    E per farlo prese un furgone
    Per distribuirli a domicilio lungo la strada
    A tutti indistintamente
    A tutti lo stesso invito di morte.

    E quella foto che portava con sé
    Solo un sogno sbiadito di un futuro mai sfiorato.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Finale in versi! Perfetto, Daniele!
      Un futuro mai sfiorato.... parole purtroppo adatte ai recenti fatti di cronaca. Quanti futuri sognati e visti sfuggire!

      Elimina
  6. Oddio, già 2000/3000 parole mi richiederebbero più tempo del lecito. In genere le mie scritture di getto durano tra le 600 e 700 parole. Prenderò questo come limite.
    Grazie per l'incipit e buon secondo compleanno a IR :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu lo sai che non sono così pignola. 1999 oppure 3001 van bene lo stesso! 😅😅😅😅😅
      S egli il limite che preferisci, niente regole questo mese!
      Grazie a tutti voi della partecipazione assidua!

      Elimina
  7. Ma l'arrivo inatteso del produttore esecutivo la distolse dall'operazione.
    "Mi sembra troppo intellettuale. Pesante, per dirla tutta" commentò quando lesse il testo.
    "Sa, volevo dare un'impostazione piena di mistero" spiegò l'addetta ufficio stampa. "Un luogo pieno di pericoli, una giungla selvaggia dove l'essere umano è un estraneo..."
    "Suvvia, lo sanno tutti che si tratta solo di una scusa per mettere insieme personaggi decaduti dello showbiz e farli stare per qualche settimana mezzi nudi a beneficio degli spettatori".
    "Ma io avevo pensato che l'audience..."
    "L'audience di questi programmi è composta da guardoni di mezza tacca e donnette che leggono riviste di pettegolezzi" la interruppe il produttore esecutivo che aveva già inteso dove voleva andare a parare l'addetta ufficio stampa.
    "Quindi non..."
    "Non va bene, ovvio. Voglio sperare che non l'abbia spedita a nessuno!"
    "Non ho fatto in tempo..."
    "Perfetto. Allora la riscriva daccapo. Una cosa tipo: una giungla calda e bollente dove le passioni si incendiano".
    "'Calda e bollente' è una ridondanza..." fece notare l'addetta.
    "Tanto neanche lo leggeranno, guarderanno solo la foto. A proposito, non mi dica che avrebbe voluto metterci questo albero contorto!"
    "Beh, sì. Trasmette l'idea di un un luogo ostile e misterioso dove la natura è ancora padrona..."
    "Ma per favore! Comunque io e il regista avevamo già deciso di metterci un primo piano della Valeriona nazionale col bikini da bambina sulle sue poppe siliconate e qualche cespuglio sullo sfondo".
    "Ehm, però nessuno me l'ha mostrata..."
    "Non serve, è talmente prevedibile! La classica foto della Valeriona: tette tre volte più grandi delle coppe che dovrebbero contenerle. Non faccia grossi sforzi di immaginazione, va bene uno slogan che sia facile da leggere anche per scimmie analfabete in calore".
    L'addetta ufficio stampa non rispose. Aprì una pagina su internet e iniziò a cercare offerte di lavoro come donna delle pulizie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ariano.... ma questa Valeriona chi sarà mai????😉😆😆😆😆😆
      Povera addetta stampa, però! Che abbia sbagluato lavoro?
      Divertentissimo finale!

      Elimina
  8. Niente limiti, che meraviglia. Ovviamente appena avrò scritto il racconto ti lascerò il link.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È agosto...massima libertà! 😊😊😊
      Aspetiamo il tuo finale!

      Elimina
  9. FORTEFORTEFORTE, tu e l'incipit.
    Grazie!
    Cri

    RispondiElimina
  10. Ahah, puntata speciale: Insieme raccontiamo con Proust. Mi hai ispirato un'ideuzza, ma aspetto di tornare a Roma per concretizzarla. Qui la scarsa connessione non me lo permette.
    E poi auguriii: è già passato un anno dalle "Myrtilla's Angels" ? 😄😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😊😊😊😊😊 benissimo! Evviva l'ideuzza!
      Un anno da quando le myrtilla'angels misero nel pentolone Massimiliano, ma ben due da quando iniziammo.
      Lo saiche non mi sembra vero? 😉

      Elimina
  11. Mannaggia sta connessione da schifo non mi permette neppure di fare gli auguri :(
    Augriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii <3 <3 <3
    Baci all'intrepida Capitana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la bacchetta magica di Piccola Strega? 😊😊😊😊
      Grazie per gli auguri. Sono per tutti perche senza di voi...
      Bacio a te,

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho troppa voglia ultimamente ma mi hai proprio fatto ridere, Cristiana! Bellissimo!
      La confraternita di San Cornelio!!!!
      Aggiorno subito il riepilogo.
      Grazie e bacio!

      Elimina
    2. Dimenticavo! Io poi odio la caccia e quindi un cazadur in meno! :)

      Elimina
    3. “Ci son strade che portano ovunque
      Ci sono incroci che portan lontano
      Ma quando vedrai
      un cervo che scappa
      un serpente che attacca
      e di un uomo le gambe soltanto
      saprai che sotto al varco dovrai passare
      e il pericolo andare ad incontrare.”
      Ok! Poteva andare bene e incominciò a spedire gli inviti.

      Lo strano messaggio trovato per caso su internet gli aveva dato l'idea. A lui bastava un invito, che spedì immediatamente omettendo il cervo e l'uomo a metà, a colui che gli aveva rovinato la vita : l'amante di sua moglie. Amava sua moglie Anna,e voleva salvarla da quel bell'imbusto, un misero donnaiolo che le avrebbe fatto del male. Lui avrebbe capito da chi proveniva quel genere di minaccia , ma si sarebbe limitato a guardarsi intorno; forse avrebbe controllato che non gli avesse messo un serpente nell'auto e avrebbe cancellato Anna dal suo carnet. Su ciò contava ,soprattutto, con qul minaccioso messaggio, e il resto sarebbe avvenuto in seguito Era un superficiale pieno di sè e non si sarebbe arrovellato più di tanto
      Il ganzo era un cacciatore, non di cervi, bensì di uccelli : amava riempire il carniere con piccoli volatili, anche quelli vietati, dal cosiddetto 'becco gentile', che erano una vera prelibatezza da gustare con gli amici.
      Ma lui aveva pazienza e avrebbe atteso la prossima apertura della
      caccia. Mancavano ancora mesi , ma ciò abvrebbe giocato a suo favore perchè il tempo avrebbe stemperato il senso di pericolo provato dal rubacuori nel leggere quel messaggio.
      Sapeva bene dove trovarlo , avrebbe aspettato il momento propizio, magari quello della pisciata contro un albero, e lo avrebbe beccato, proprio come una delle sue beccacce.
      Anch'egli era un buon cacciatore , di cervi, però.

      Elimina
    4. Lo hai cambiato, Cristiana?

      Elimina
  13. Eheheh! Ce l'ho! Ecco il mio racconto LA MAPPA, pubblicato sul mio blog. Questo è il link: https://sevuoiunavitadasognodormi.blogspot.it/2017/08/insieme-raccontiamo-24.html
    Tanti cari Auguri Patricia a te e a IR per il secondo compleanno.
    Tanti baci carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E brava!!!!! L'ho letto e mi è piaciuto davvero! E fai pure i complimenti a Birba perchè la sua mappa del tesoro è fantastica!
      Grazie per gli auguri e baci!

      Elimina
  14. Cioè vuoi dire che siamo già alla 24 puntata????
    E io salto dalla 17 .... 8 mesi?
    Non posso crederci ... che vergogna, Patri!!!
    Ma fammi capire .. hai allungato i tempi? fino al 15 del mese sempre o solo in questa occasione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, Fede! Sei in ritardissimo!!!!!!! ahahhaahhaha
      Lo sai che si fa sempre come si può? Ci sono momenti in cui non si riesce nemmeno a respirare, altro che guardare cazzeggi vari come direbbe il buon Max.
      Comunque il tempo scade il 10 settembre non il 15! Ma solo per questo mese visto che siamo in periodo di ferie (ed io ho avuto casini su casini ahahahahahahah)

      Elimina
  15. Ed ecco che anche io,finalmente,sono riuscita a partecipare al tuo gioco:ti devo avvertire il racconto ha preso vita andando dove io non pensavo e questo mi è piaciuto un sacco!Grazie!!!!
    https://melorenza.blogspot.it/2017/09/insieme-raccontiamo-24-la-signora.html
    Buon settembre!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è riuscito benissimo! Mi è piaciuto davvero. Cosa ci fosse nell'involto non si sa sa ma qualcosa di veramente prezioso di sicuro. Io almeno voglio vederla così.
      Il finale è andato per conto suo? E che problema c'è? La penna sa sempre quale strada prendere e normalmente non sbaglia 😊😊😊😊

      Elimina
  16. Eco il mio contributo, essenziale, stringato e succinto:

    ...Disse Patricia dopo aver postato l'incipit e aggiunse, ora vedremo chi indovinerà da quale libro è stato tratto questo brano.

    Cara Patricia, visto che hai cambiato le regole io ne ho approfittato.
    Ciao bella e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto benissimo, Verbena!
      Almeno in periodo di vacanze rompiamole queste regole! :)
      Grazie a te e aggiorno subito il riepilogo
      Buona giornata a te!

      Elimina
  17. Sempre alla fine, ma ci sono, eh! 😉
    https://trentunodicembre.blogspot.it/2017/09/insieme-raccontiamo-24-buon-compleanno.html#more

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era tempo fino a stasera, quindi... :)
      In compenso mi hai fatto morire dal ridere! Ma sono così terribile? ahahhahahahaha
      Bellissimo!!!!!
      Grazie!

      Elimina
  18. Carissima Patricia Ciao! ecco il mio finale appena sfornato, un abbraccio e buon fine settimana!

    Aveva sezionato il libro degli Antenati e studiato ogni singola parola in tutte le interpretazioni possibili per arrivare alla conclusione che i quattro sigilli dovevano essere riportati nell'area sacra degli etruschi lungo la via Francigena, prese le chiavi dell'auto e partì con un fermento interiore che vacillava tra curiosità e timore, lungo il tragitto pensò che a breve per lui e gli altri tre tutto sarebbe cambiato, ma l'attrazione esercitata dalla consapevolezza che da lì a poco avrebbe scoperto la verità sul suo destino era più forte di qualsiasi altra cosa. Impiegò più di un'ora ad arrivare e si inoltrò nel bosco in cui si respirava un'aria pura e frizzante, le foglie scricchiolavano a ogni suo passo e il sole che filtrava tra gli alberi creava un passaggio talmente veloce tra luce e ombra che affaticava la vista a ogni movimento. Raggiunse la tomba e vide che gli altri erano già arrivati, prese dalla tasca il suo sigillo e mostrandolo disse: « Io sono aria. »
    La donna dai capelli scuri alzò la mano, fece vedere il suo sigillo e disse: « Io sono terra. »
    L'albino si aprì la camicia e senza dire una parola indicò il sigillo del fuoco.
    La quarta custode portatrice della sindrome di Down con un sorriso sussurrò: « Io sono acqua. »
    Le presentazioni erano state fatte e ora dovevano cercare, divisero la zona in quattro parti e iniziarono la perlustrazione, osservarono i segni sugli alberi, le linee delle foglie, i graffiti sui muri della tomba fin quando la donna dai capelli scuri fu colpita dal volo di un gruppo di farfalle davanti a una cascata di licheni, si avvicinò, li scostò ed ecco che un brivido le attanagliò la spina dorsale, vide comparire il cervo, chiamò i suoi compagni che l'aiutarono a liberare dalla vegetazione un arco di pietra con un basso rilievo che riproduceva tutta la scena descritta dal libro, negli angoli le incisioni concave che dovevano accogliere i quattro sigilli. I loro cuori battevano all'unisono seguendo il ritmo di quello del bosco, presero un profondo respiro e ognuno di essi inserì il proprio sigillo nell'incisione corrispondente, in un attimo tutto si fermò e calò il silenzio, una linea solcò verticalmente il bassorilievo formando due metà perfette che si aprirono come un portone e il segreto della vita si palesò davanti ai loro occhi, quel mistero di cui ogni essere umano auspicava la rivelazione, per i quattro non era più tale, adesso sapevano e compresero quale fosse il pericolo: erano diventati schiavi della verità, niente più illusioni, niente più immaginazione, niente più sogni, solo la verità. Frastornati richiusero le ante del bassorilievo, lo nascosero e giurarono di tenere tutto per sé affinché il mondo potesse continuare a essere libero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto e apprezzato tantissimo, Sciarada!
      Morirei in un mondo senza fantasia, senza creatività. Nessuno stimolo a immaginare il nuovo, il meglio.
      Grazie infinite! Un abbraccio e buon weekend

      Elimina
  19. Non sono riuscita a pubblicare prima, mi spiace, ma ci sono in qualche modo.
    Qui il link https://marinathinkcreative.blogspot.com/2017/09/insieme-raccontiamo-n-24-il-mio-finale.html
    Domani ti invio tutto. Ora sono davvero cotta. Ho avuto una giornatona ;)
    Baci
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tranquilla, Marina! C'è tempo fino a stasera e poi sai che non sono così tremenda!!! ahhahahaha Anche in ritardo sarebbe andato bene lo stesso!
      Comunque l'ho letto. Bell'idea questa uscita. Quasi un viaggio nelle proprie paure.
      Complimenti!

      Elimina