domenica 8 ottobre 2017

Ottobre


Ottobre
nella terra scura
di notturna umidità;
nella nebbia protettiva e materna
che nasconde ad occhi curiosi
il sinuoso fiume;
nell’aria che sa di castagne e freddo
in arrivo;
nel gemere agonizzante
di foglie ormai antiche
che tornano al nido
in un frusciar di seta;
nel cielo indeciso
sull’abito da indossare
ora grigio ora rosato
ora celeste;
nella notte che vede
Arturo* andare a riposo
e ridestarsi Aldebaran**;
che ci regala sciami di
ballerine in lustrini***.

Ottobre,
di uve castagne e polenta
di cardi gobbi e barbera;
di porte di casa ormai chiuse;
stufe accese;
di convivialità,
l’ultima
prima della solitudine invernale
Patricia



* Arturo stella del Bootes
** Aldebaran stella del Toro
*** Orionidi, stelle cadenti provenienti o che attraversano la costellazione di Orione

30 commenti:

  1. Una stagione portata in un universo più vasto aiuta a vivere? Bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto.
      Non so se aiuta veramente ma credo che aiuti a crederlo.
      Grazie!

      Elimina
  2. L'autunno è proprio come lo descrivi, ricco di sapori e anche di colori.
    Grazie per questa nuova poesia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ste. Autunno è una stagione che non amo troppo. Mi porta tristezza perchè le giornate si accorciano, arriva il freddo. Però non posso negare chd come colori profumi e sapori sia di grande eleganza

      Elimina
  3. Cara Patrizia, veramente bella questa immagine d'autunno ma più bella è la tua poesia.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Davvero bella questa poesia su ottobre, parole scelte con cura e immagini evocate con estrema nitidezza nello spazio di ogni singolo verso, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto Ariano.
      Parole che non sono state scelte. Sono arrivate da sole 😊

      Elimina
  5. Ispirata da richiami astrali mi sembri fulgente in una triste mattina, assai grigia, di questo ottobre più nordico del tuo, più umido di quello di due anni fa, meno sicuramente del prossimo mese, che è quello che detesto più di tutti, che nemmeno nomino tanto mi sta in bilico sui cabasisi, e non voglio nemmeno pensare che dopo ne verranno un paio di quelli proprio brutti e schifosi. Perché in effetti se ci pensi bene, adesso che tutto è già cambiato -in peggio- per tre mesi di bello in estate ci sono almeno sette mesi di pessimo tempo -da ottobre a inizio aprile- come vedi non c'è l'equa distribuzione ma un gran casino. Mi sorge il dubbio che ci abbia messo mano Renzi il gran cazzaro e la sua tribù di nani. Sì, deve essere proprio così perché dove tocca la triade renzi-gentiloni-maria elena nasce solamente merda.
    Bella la tua poesia. Non cuocio e non mangio niente oggi, perché sono furibondo con Marchionne che sta facendo diventare la "nostra" Ferrari una carretta come la Fiatte, lo possino ammazzallo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia perdere Vincenzo. Io sto già rimpiangendo l'estate, sempre troppo breve per me!
      Quanto al resto, stendiamo un velo pietoso!

      Elimina
  6. E Cenno e Folgore che arrosano le nubi del cielo dove li mettiamo?
    Molto bella, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una prossima poesia, magari 😊
      grazie stella!

      Elimina
  7. Domenica ottobrina per entrambe :D
    Di poesia e voglia di cardi e castagne e convivialità che viene dai tuoi versi buoni che mi fanno andare a caccia di stelle.
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cardi ieri a pranzo gratinati nel forno. Castagne non ancora 😊😊😊😊
      Domenica ottobrina che sembrava più di luglio nel pomeriggio. Invernale al mattino.
      Bacio e buona serata

      Elimina
  8. Bei versi, dolci o cupi, per un bellissimo mese che amo godermi fino in fondo.
    In fondo cosa c'è d meglio di una passeggiata tra le foglie, di una zucca intagliata, di un film sul divano?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irrinunciabili le passeggiate tra le foglie 😍
      Marina

      Elimina
    2. Un pomeriggio di inizio estate? 😆😆😆
      Le foglie che cantano sotto ai piedi sono sinfonia!

      Elimina
  9. Le tue parole riempiono di significati anche le minuzie dei giorni!Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Generalmente ottobre è mese di grandi progetti. Quest'anno in salita. Potessi andare in letargo lo farei senza pensarci 😆
    Il tuo modo di fare poesia è grandioso.
    Un abbraccio
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie Marina.
      In letargo? Subitissimo! 😊

      Elimina
  11. "Arturo* andare a riposo
    e ridestarsi Aldebaran**;
    che ci regala sciami di
    ballerine in lustrini**"

    Bella ma questo passaggio è quello che mi è piaciuto di più. Straordinario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stragrazie! :)

      Un po' di nostalgia per i tempi in cui facevamo osservazione astronomica dilettantesca... ti sembrerà impossibile ma ora che abitiamo in campagna l'inquinalìmento luminoso è spaventoso. Tutti quanti tengono le luci esterne accese tutta la notte!
      Invece è spettacolare vedere quelle meteoriti frecciare come bolidi!

      Elimina
    2. Inquinamento... quel lì che ci sta a fare?????? ffffff!

      Elimina
  12. Tu pizzichi tutte le mie corde emozionali...è bellissima!
    Maris

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Grazie! Il mio Piemonte che amo visceralmente e altrettanto visceralmente odio

      Elimina
  14. Bella poesia. Evocativa, ma io resto innamorata dell'estate.
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io Mari. Magari con un briciolino meno afa però....

      Elimina