martedì 5 dicembre 2017

31 Dicembre

31 Dicembre
di Marina Guarneri
EdiGio (2014)





Quando ne ho sentito parlare come di un romanzo d'amore mi son quasi pentita dell'acquisto. Non sono per me. Quei romanzi rosa e melensi , no, grazie.
Poi ho iniziato a leggerlo e mi sono dimenticata di tutto.
Questo libro è stata una piacevolissima sorpresa.
C'è l'amore ed è anche quello potente ma soprattutto c'è un dolore profondo nei personaggi.  C'è la lotta interiore tra il lasciarsi andare alle emozioni e il restare intrappolati nel passato. Tra la curiosità di sapere a tutti i costi e la paura di scoprire.

Marina Guarneri poi è stata veramente originale a dare uno stile che subito pareva fantascientifico e poi invece si rivela  "soltanto" fantasioso ma molto reale. E non è una critica. Un capovolgimento improvviso che scuote il lettore.

Praticamente la storia d'amore è virtuale ma leggendo il libro  pagina dopo pagina chi se lo ricorda più? Come la protagonista anche il lettore lo dimentica immerso in atmosfere che vanno dal piacevole al tristemente doloroso.
Una vita, quella di Sara, che a  lei non basta più. Vuole qualcosa di extra e si regala un viaggio strano dentro ad emozioni forti.
E quando Sara diventa Dhea non riesce più a distinguere le due se stessa. Si intrecciano all'inizio ma poi la donna virtuale prende il sopravvento.

Con uno stile elegante, Marina ci porta all'interno della psicologia dei personaggi. Ci fa provare le loro emozioni. Ci fa vedere quanto dolore costa la vita, sia per Nagel che per Dhea e Nuela.
In mezzo tanti segreti quasi sussurrati  ma poi improvvisamente taciuti. Ecco il legaccio che tiene avvinto il lettore.

La sua cura quasi maniacale (a suo dire :) ) della ricerca della perfezione si nota e dà ottimi risultati perchè spiega, descrivere, scava ma non annoia mai.
Bel libro davvero!
Patricia


29 commenti:

  1. Cara Patrizia, sentendo cosa dici, deve essere veramente da leggere.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Romanzo d'amore è un po' riduttivo Tomaso. Romanzo sulla vita forse va meglio, sulla passione, sui sogni.
      Bel libro davvero.
      Bacio stella!

      Elimina
  2. Non conosco l'autrice ma mi fido del tuo giudizio, metto in lista???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autrice è una blogger. Ti metto il link del suo post se vuoi saperne di più.
      A me è piaciuto veramente, QUI

      Elimina
  3. Bellissimo commento il tuo !! Può darsi che comprerò questo libro. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Mirtillo.
      Lo trovi su amazon ma se clicchi sul link che ho messo in risposta a Flora trovi anche più notizie direttamente dall'autrice.
      Ciaooo

      Elimina
  4. 😳😳😳Cosa vedono i miei occhi: ma è il mio libro, proprio il mio???
    MA CHE SORPRESA, Pat, grazie mille per avere letto e per le tue bellissime parole.
    GRAZIE, GRAZIE GRAZIE. 💐💐😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va??? Ma non lo sapevo!!!! ahhahahahahahaha
      Era lì già da un po' ma ho il terrificante vizi di comprare più libri di quelli che riesco a leggere ahahah
      Complimenti davvero!
      Giuro che alle prime pagine sono rimasta interdetta. Non sapevo più cosa aspettarmi e poi... iniziato e finito! :)
      Al prossimo! Ciaooo

      Elimina
  5. Interessanti sia la trama che gli aspetti che il libro tratta, aspetti molto attuali nella vita di oggi legata molto anche al virtuale. Bella recensione Patty!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! All'inizio ho pensato alla fantascienza. In fondo la ppossibilità d collegarsi a macchnari e vivere una vita virtuale.. ma viverla proprio come se fosse reale, ancora non è attuabile. Poi però il romanzo scorre così bene che ci si dimentica che queste avventure sono fasulle. Che è fantasia. Ci si lascia prendere la mano e il virtuale sparisce puf!
      Grazie Dani

      Elimina
  6. Ottima recensione!
    Ti auguro una buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vincenzo, ma quando i libri "vanno a segno" così non è nemmeno difficile parlarne :)
      Buon pomeriggio

      Elimina
  7. ECCHECCAVOLO! Vuoi vedere se dopo una simile recensione io mi perdo sto romanzo di una follower cui tengo moltissimo. Seguo costantemente il suo blog e mi piace molto come scrive, uscendo semre brillantemente degli impasse, perché col suo sottile modo di ragionare ci si infila spesso dentro vicoli che potrebbero apparire cechi...e invece no. lei scantona dal pericolo di incartarsi e sì che scrive di getto, ed io, detto con la mia consueta modestia, me ne accorgo immediatamente. Ho pronto un ordine per la mia nipotona del cuore, per lei che può accattarsi quel che vuole su Amazon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Vincenzo, anche tu una straordinaria scoperta. 🌹
      È un romanzo di gioventù, il mio, ma ne vado comunque fiera. Vediamo che ne pensa la nipotona, se lo leggerà. 😉

      Elimina
    2. Capito nada. La nipotona lo comprerà PER ME. Magari poi se lo legge, ma dopo di me. DOPPO, capisci ammè.

      Elimina
    3. Ah, capito nada nada! 😂
      Ora sì, però e mi fa piacere. 🤗

      Elimina
    4. Marina...ma pensi che il nostro herr Vincè si faccia fregare dalla nipote?????? Giammai! ahhaahahhahahaahh

      Elimina
  8. Ero rimasta che non c'era più il cartaceo! Ora è tornato disponibile? È un po' che non vado a trovare Marina G.
    Bella recensione Pat!
    Baci
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina.
      Sempre zero cartaceo.
      Un bacio. 😘

      Elimina
    2. Ok, vi siete già parlate :) perfetto!
      Volevo proprio scrivere a Marina Z che io ho l'ebook e non so se c'è il cartaceo.
      Ciao MarinE

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie Nick!

      ps mi prenoto per presentare il tuo se ti deciderai a scriverne uno :)

      Elimina
  10. Molto bella la tua recensione Pat...mi hai fatto venire voglia di leggerlo.

    Grazie per la tua segnalazione ...

    Un bacio
    Clelia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clelia, grazie ma come dicevo sopra quando iìun libro colpisce è facile parlarne :)
      Buon pomeriggio

      Elimina
  11. Ripasso da queste parti, stamattina e si sono aggiunte altre belle sorprese.
    Grazie ai bei commenti che premiano la tua recensione, Pat, e fanno onore a me che ne sono la protagonista.
    Un saluto a tutti. 💐

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crederai mica di sfangarla così, eh... adesso cerco Fred Flinstone e mi faccio prestare il pallottoliere a pedali poi ti presento la fattura ahahahhahahahah

      Sono contenta per te e per me. Parlare di un libro che piace è relativamente "semplice". Capisci cosa intendo. Quando un libro colpisce certe corde nel lettore viene meno complicato dire quello che si pensa
      Ciaooooo

      Elimina